Cronaca Bianca

ESCLUSIVA. Si chiama Sea la società che sta realizzando un'infornata di assunzioni in quota Zinzi. TUTTE LE NEWS

Si occuperà del controllo delle caldaie e della riscossione dei tributi. E' romana e appartiene alla galassia delle società di "Roma capitale". Si è insediata, un po' di soppiatto, in alcuni uffici dell'area ex Saint Gobain


CASERTA - Si chiama  Sea e dovrebbe essere la capofila dell'Associazione temporanea di imprese che si è aggiudicata l'appalto per l'esercizio di gestione, relativo alla fase di riscossione del tributo a carico dei casertani (ci riferiamo ai residenti nei comuni della provincia di Caserta, dato che il capoluogo, teoricamente, provvede da se) proprietari di una caldaia con il riscaldamento domestico e dell'acqua. La società Sea fa parte dell'articolata e anche controversa galassia di quelle appartenenti a "Roma capitale",  un gruppo di diciannove imprese, tra Spa e Srl, partecipate in tutto o in parte, direttamente o indirettamente, dal disastratissimo comune di Roma, in pratica già dissestato e tenuto in vita dal rilancio, con rinnovati connotati, del cosiddetto Decreto salva Roma, ritirato recentemente dal Governo, dopo il pesante ostruzionismo parlamentare, effettuato da Lega e Movimento Cinque Stelle. Sospendiamo, per il momento, la valutazione di questa società, in attesa di acquisire migliori informazioni sull'opera che si svolge a Roma, proprio nel settore della riscossione di speculari tributi per le caldaie operanti nelle abitazioni della capitale. D'altronde, se è vero che chi lo fa a Roma, non dovrebbe avere difficoltà a realizzarlo anche qui da noi, è anche vero che, come si è potuto leggere nelle nostre lunghe inchieste giornalistiche, dedicate a questo servizio, si fa per dire, gestita da Terra di Lavoro Spa , ci troviamo di fronte a un disordine che è autentico caos, a partire da una banca dati, da un'anagrafe dei veri possessori di caldaia, la quale  se mai c'è stata Terra di Lavoro non è riuscita a far materializzare. Ma per il momento, a noi di Casertace interessa, soprattutto, l'aspetto occupazionale. Si dice che la Sea avrebbe insediato i suoi uffici in locali non molto visibili nel perimetro dell'area ex Saint Gobain, ad un passo dal Palazzo della Salute e vicino agli uffici dell'amministrazione provinciale, che poi rappresenta i primi motori dell'operazione. Pare che Sea abbia già effettuato qualche assunzione e altre le dovrebbe realizzare, attraverso un'agenzia interinale, sulle cui tracce ci siamo messi e che molto presto vi diremo. Siccome, senza prenderci in giro, queste assunzioni, la Sea le ha fatte e le farà su impulso dei livelli politici governativi dell'amministrazione provinciale, sarebbe opportuno che dalla stessa amministrazione provinciale o dalla Sea ci arrivassero delle informazioni precise e fedeli sui criteri che si stanno adottando per queste assunzioni. Se queste informazioni ci arriveranno ne saremo felici e lo riconosceremo, in termini di trasparenza, a Zinzi e compagnia; se queste informazioni , invece, entro 24 o 48 ore non dovessero arrivare, mal ne incoglierà agli omissori . G.G.