Cronaca Bianca

Santa Maria Capua Vetere "Città Cardioprotetta", defibrillatori installati ed operativi

Mirra e Mastroianni: "Fieri di aver reso un servizio concreto alla città"


Santa Maria Capua Vetere è diventata a tutti gli effetti “Città Cardioprotetta”, rientrato così tra le pochissime realtà territoriali che sul proprio suolo pubblico prevedono una dotazione di defibrillatori semiautomatici, cosiddetti “DAE”, e soprattutto di operatori laici in grado di saperli utilizzare.

Nella giornata odierna, infatti, sono state ultimate tutte le procedure finalizzate ad installare le apparecchiature, i totem e i relativi pannelli forniti di tutte le indicazioni utili ai fini di un corretto ed eventuale utilizzo. I defibrillatori appena installati si trovano in viale Consiglio d’Europa, in via del Lavoro e in via Mazzocchi all’angolo di piazza Mazzini e saranno costantemente monitorati da impianti di videosorveglianza per prevenire eventuali furti o atti vandalici. Un quarto defibrillatore è invece costantemente a bordo di una pattuglia della Polizia Municipale che, in tal modo, avrà la possibilità qualora fosse necessario di intervenire rapidamente in tutte le zone della città. Diversi agenti del locale comando di Polizia Municipale hanno infatti sostenuti, con altri 40 operatori commerciali della città di Santa Maria Capua Vetere, specifici corsi di formazione svolti nei mesi scorsi.

Nel corso dell’anno si prevede l’installazione di ulteriori 4 “DAE” ma anche di nuovi corsi finalizzati alla formazioni di altri operatori laici che siano in grado, all’occorrenza, di utilizzare i defibrillatori.

“Con l’augurio che non si debba mai ricorrere al loro utilizzo – hanno dichiarato il sindaco Antonio Mirra e il consigliere comunale Salvatore Mastroianni – possiamo ritenerci fieri di aver reso un concreto servizio alla nostra città che, in questo modo, rientra tra le poche realtà regionali ad avere sul proprio territorio una presenza di defibrillatori ma anche di persone in grado di utilizzarli e quindi di offrire soccorso in situazioni di emergenza”.