Cronaca Nera

CAMORRA, FRUTTA E VERDURA A MONDRAGONE. E' iniziato il processo per Giacomo Fragnoli & C.

Rito abbreviato per 4 imputati. Il Pm ha chiesto la sospensione dei termini di custodia cautelare per complessità del processo


MONDRAGONE - Questa mattina innanzi al Tribunale di S. Maria Capua Vetere presieduto dal dott Guglielmo si è' tenuta la prima udienza dibattimentale a carico degli imputati Giacomo Fragnoli e Pasquale D'Angelo imputati del delitto di cui all'art 416 bis c.p. oltre che di concorso nell'affermazione di un regime di monopolio mafioso ( conseguito con numerose violenze e minacce agli autotrasportatori e ai commercianti)  nel settore del trasporto su ruota gommata dell'ortofrutta. Il tutto in favore di un consorzio-agenzia per la gestione dei trasporti su gomma dell'ortofrutta. Questo consorzio - secondo l'accusa- rappresenta una articolazione mafiosa del clan operante in zona. Il  processo si fonda sulle accuse di numerosi collaboratori di giustizia oltre che di intercettazioni tecniche ed ambientali. Tra gli imputati anche Antonio Picone detenuto agli arresti domiciliari. Il Tribunale ha dichiarato aperto il dibattimento recependo le richieste dei legali dei coimputati Giuseppe Vellucci, Eduardo Sorrentino, Michele Sorrentino ed Emilio Boccolato di ottenere il rito abbreviato, in caso di rinvio a giudizio. In aula la pubblica accusa e' stata sostenuta e rappresentata dal pm DDA  Catello Maresca mentre i difensori presenti in aula erano gli  avvocati Edmondo Caterino, Luigi Iannettone, Antonio Reccia, Giovanni Zannini. Il Pm ha chiesto la sospensione dei termini di custodia cautelare per complessità del processo in ragione del numero delle parti coinvolte oltre che della mole delle prove testimoniali da assumere. M.I.