Cronaca Nera

CAMORRA A CASTEL VOLTURNO. Rinvio sulla decisione per il rinvio a giudizio degli ex sindaci Scalzone e Nuzzo

Nello stesso procedimento sono coinvolte altre 35 persone. I legali di otto di loro hanno chiesto l'abbreviato


di Max Ive CASTEL VOLTURNO - Pochi minuti fa, sono le 13.27 mentre scriviamo, si è conclusa la prima parte dell'udienza preliminare del maxi processo di camorra in cui figurano 37 indagati, tra cui una ventina di funzionari pubblici del Comune di Castel Volturno ( anche 7 vigili urbani), nonchè gli ex sindaci della cittadina rivierasca Antonio Scalzone e Francesco Nuzzo. Poichè gli interventi degli avvocati e dei difensori degli indagati risultano essere numerosi, la seconda tranche dell'udienza è stata rinviata alla prossima settimana, quando il giudice del Tribunale di Napoli, Cimma dovrà decidere se rinviare a giudizio o meno gli indagati. Nel contempo stamane, giovedì, i difensori dell'ex sindaco Francesco Nuzzo, dell'ex comandante dei carabinieri di Pinetamare, Alfonso Bolognesi, dell'agente immobiliare Bartolomeo Capone, di  Isacco Coppola, della dipendente comunale Bianca Corrente, dell'autista Giuseppe Gravante, di Luigi Guida o' Drink e di Marco Parisi, hanno presentato le istanze di richiesta col rito abbreviato. Le stesse diventeranno esecutive allorquando il giudice deciderà di rinviare a giudizio i vari indagati che figurano in questo procedimento giudiziario. Tutti gli altri, che non hanno chiesto l'abbreviato dovranno saranno inseriti nel processo con rito ordinario. Staremo a vedere.