DETTAGLIO ARTICOLO

FILOTTOOO!!! La Publiservizi si "pappa" anche la rimozione delle auto in sosta vietata. Monopolio totale

Stavolta, dovete perdere due minuti in più e leggervi la determina, perché non ci vuole uno scienziato della pubblica amministrazione per ricavarne sensi di autentica ilarità


CASERTA - Leggetevi questa determina e, come sempre vi consigliamo, per non piangere, scompisciatevi dalle risate. Dopo aver assimilato tranquillamente la notizia dell'ennesimo affidamento di servizi comunali in concessione ai soliti Nino Natale e leggiadra figliola, questa volta vestiti con l'abito della Publiparking, il famoso ramo d'azienda nato per imbarcare tutti i parcheggiatori, per evitare che questi piantassero grane economiche alla Publiservizi, dopo aver ragionato con voi stessi sulla prossima operazione di questo tipo, che verrà realizzata dal comune di Caserta (magari la Publiservizi può mettere in piedi qualcosa nel campo della raccolta dei rifiuti) potrete dilettarvi nella lettura delle modalità della gara, aggiudicata da una commissione presieduta dal comandante dei vigili urbani Alberto Negro. Una cosa alla buona. Due imprese partecipanti, la Publiparking e una certa DA.MA. Stessa offerta economica, con l'attribuzione al comune di un aggio del 30% su ogni veicolo rimosso per infrazioni stradali, custodito e riconsegnato. Badate bene. Stessa offerto economica per evitare che qualche uomo di buona volontà e desideroso di difendere le ragioni del pubblico danaro, potesse toccare il solito nervo scoperto dei ridicoli aggi che la Publiservizi garantisce al comune di Caserta (10/12 % sui parcheggi a pagamento). Dopo il pareggio dell'offerta economica, sono arrivati i numeri della valutazione tecnica del progetto fatta dalla commissione di cui oltre a Negro facevano parte Lucia M. Spissu Mele, Anna Caianiello e, come verbalizzatore, Biagio Costa. Indovinate come è finita. 58 punti alla Publiparking e 57 alla DA.MA. Risultato finale 88 a 87, quasi come una partita di pallacanestro decisa all'ultimo secondo, con la differenza che questa partita non era decisa all'ultimo secondo. Sempre nella determina ci sono notizie che Casertace ha già scritto e che definiscono con chiarezza, attraverso l'informazione del ruolo che Elena Natale ha sia nella Publiholding, che dovrebbe essere il contenitore di Publiservizi e di Publiparking, sia nella stessa Publiparking, di cui è socia di maggioranza. G.G. CLICCA QUI per leggere la determina