Sport

ESCLUSIVA. Casertana: domani allo stadio ci sarà Pasquale Casillo, il profeta di Zemanlandia. Possibile un suo ingresso in società

Arriverà insieme al presidente dell'Ascom Mario D'Anna e siederà al fianco del suo amico Lombardi per assistere alla partita contro il Vigor Lamezia. Un altro nome che circola


Arriverà insieme al presidente dell'Ascom Mario D'Anna e siederà al fianco del suo amico Lombardi per assistere alla partita contro il Vigor Lamezia. Un altro nome che circola è quello del concessionario d'auto sammaritano Capitelli     CASERTA - Prima, il pranzo a casa del suo amico Mario D'anna, presidente dell'Ascom provinciale, successivamente, insieme a lui, allo stadio ad assistere alla partita della Casertana. Pasquale Casillo è un nome notissimo a chi ha seguito il calcio in Italia, e nell'Italia meridionale in particolare, tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90. Industriale napoletano con molti interessi imprenditoriali, fu l'inventore di Zemanlandia, quell'autentico miracolo sportivo che catapultò il Foggia alla ribalta del calcio italiano. Pasquale Casillo era il presidente di quella squadra e soprattutto nell'anno in cui tra i satanelli militava il trio delle meraviglie Rambaudi-Ciccio Baiano-Alessandro Signori, fu il presidente di una squadra che, con il suo calcio offensivo, con la sua sfrontatezza, con quel 4-3-3 con cui, senza timori reverenziali, affrontava, anche fuori dalle mura dello stadio Zaccheria, le corazzate del pallone nostrano, fece strabuzzare gli occhi a tutti, anche al di là dei confini nazionali. Zemanlandia finì perchè i suoi giocatori di maggior successo andarono via, perchè lo stregone boemo fu attirato dalle sirene della Roma, ma anche perchè Casillo cominciò ad avere, complice anche il clima "tangentopolaro" di quesgli anni, problemi con la giustizia, soprattutto in relazione allo scandalo  Ital grani Ma Pasquale Casillo, oltre ad essere un uomo scaltro e intelligente, è rimasto un grande appassionato di calcio. Negli anni ha tentato, con scarsa fortuna, di lanciare delle squadre e anche di rinverdire i fasti foggiani di Zemanlandia, richiamando l'allenatore di allora alo timone di una squadra di serie C che, pur non vincendo il campionato, ha dato spettacolo, lanciando giocatori importanti quali Lorenzo Insigne e il cagliaritano Sau. Domani, dunque, Pasquale Casillo vedrà la partita con l'occhio di un grande competente. La vedrà, probabilmente, al fianco del presidente Lombardi, a cui lo legano rapporti di reciproca stima. Inutile dire che, rispetto a questa presenza, diventano, giocoforza, oggetto di trattazione giornalistica, ipotesi di un ingresso che Casillo potrebbe fare nella Casertana, a sostegno dell'ingente impegno economico che, oggi, grava esclusivamente sulle spalle dello stesso presidente Lombardi, ma anche del socio di minoranza Pasquale Corvino. Al riguardo, girano anche altre voci su possibili ingressi futuri. La casertana capolista non è più un ferro vecchio da cui tenersi lontano ma è un brend accattivante. Un nome che gira, per esempio, molto, in questi giorni, è quello del noto concessionario d'auto sammaritano Capitelli. Se son rose...   Gianluigi Guarino