Cronaca Nera

AGG. 15,14. Si impicca dopo che la compagna lo ha lasciato portandosi il figlio

E' successo stamattina  Emergono i primi retroscena sul suidicio del 39enne di Cellole. Sono stati i suoi genitori, questa mattina, a trovarlo senza vita impiccato ad una tra


E' successo stamattina 

Emergono i primi retroscena sul suidicio del 39enne di Cellole. Sono stati i suoi genitori, questa mattina, a trovarlo senza vita impiccato ad una trave. A complicare la situazione affettiva, ultimamente, era subentrata la precarietà lavorativa, in quanto Andrea si trovava in cassa integrazione

AGG. 15,14 - La compagna si trasferisce al nord con suo figlio, il 39enne Andrea Verrengia, stanco di questa situazione ha preferito mettere fine alla sua vita, impiccandosi ad una trave del soffittodella sua abitazione,sitanella struttura che ospita  l’ufficio postale del Comune di  Cellole. 

Questa mattina, i genitori dell’uomo, portatisi nell’ appartamento del figlio,  hanno fatto la macabrascoperta che li ha lasciati distrutti, visto che Andrea non aveva mai dato segni di squilibrio. L’uomo, dopo essersi munito di un cavo della corrente elettrica, l’avvolto intorno ad una trave dopodiché l’ha attorcigliatoal  collo, lasciatosi caderenel vuoto della stanza.

I motivi  che hanno spinto il giovane a mettere fine alla sua esistenza  sembra che si debbano ricercare nel  disagio che stava vivendo dal momentodella  separazioneda suo figlio, trasferitosi con la mamma al nord.

A complicare la situazione affettiva, ultimamente era subentrata la precarietà lavorativa in quanto Andrea era in cassa integrazione. Il magistrato di competenza, ravvisate le prove certe del suicidio, unitamente al medico legale, ha stabilito che la salma del giovane non venga trasferita alla medicina legale ma resti a disposizione dei familiari, che, in questo momento stanno vivendo una pagina tragica della loro esistenza, dovuta alla prematura morte di Andrea.

L’intera cittadinanza di Cellole, insieme all’amministrazione, si è stretta intorno alla famiglia Verrengia nel caro ricordo di Andrea.  La compagnia Carabinieri di Sessa Aurunca, agli ordini del Capitano Antonio Ciervo, si è occupata dell’iter burocratico del caso.

Anna Izzo

      CELLOLE - Dramma a Cellole. Un uomo di 39 anni è stato trovato morto nella sua abitazione, che si trova a poca distanza dal Comune. Il suo nome è Andrea Verrengia. Sul posto il personale del 118 che non ha potuto fare altro che constatare il decesso. L'ipotesi più accreditata è quella del suicidio.