Sport

BASKET. Olimpia Milano-JUVECASERTA 61-43. Pessima Juve contro una Milano battibile.

La Juve perde di 18 pt contro un EA7 priva dell'infortunato Daniel Hackett. A sorpresa Hackett resta fuori mentre Carleton Scott parte in quintetto al posto di Vitali. L'avvio d


La Juve perde di 18 pt contro un EA7 priva dell'infortunato Daniel Hackett. A sorpresa Hackett resta fuori mentre Carleton Scott parte in quintetto al posto di Vitali. L'avvio di partita della Pasta Reggia non è cattivo: infatti dopo l'infrazione di passi di Brooks la Juve si porta sul 3-0 sfruttando le difficoltà in attacco dell'Olimpia che si sblocca con Jerrels dopo oltre un minuto. La squadra di Banchi inizia a giocare e la Juve riesce con difficoltà a tenerle testa solo in contropiede ma negli ultimi minuti di quarto non segna più e così i padroni di casa mettono l'allungo che chiude il primo quarto sul 15-9 in loro favore. Caserta apre il secondo quarto con 4 pt in fila di Michelori e Scott e si riporta sul -2 ma Milano rimette gli avversari a distanza grazie ad un a grande presenza a rimbalzo di Lawal ed un Bruno Cerella che si fa trovare pronto quando viene chiamato in causa da coach Banchi. La squadra di Molin lavora abbastanza bene in difesa ma ha enormi difficoltà nella metà campo avversaria dove si divora qualche canestro facile. Vitali prova a mettere intensità nel gioco della Juve mentre Milano paga le brutte percentuali ai tiri liberi. Il vantaggio meneghino sta sempre vicino alla doppia cifra ma la raggiunge solo in una occasione sil 26-16. Le difficoltà offensive della Juve fissano il parziale all'intervallo lungo sul 28-19. Lo spettacolo già carente nel primo tempo scende ulteriormente nel secondo: l'attacco bianconero mostra polveri bagnate sia da due che dall'arco mentre Milano soffre solo nel tiro pesante e migliora le percentuali ai tiri liberi. Lo scarto si stabilizza sui 10 pt ma con l'aggressività difensiva spesso la Juve si avvicina ai meneghini e tocca il -6 con due viaggi in lunetta di Hannah. Langford dalla linea della carità e la seconda bomba della partita di Milano messa a segno da David Moss portano l'EA7 sul +11 e chiudono sostanzialmente la partita. Il finale di terzo quarto è 40-29. Il quarto periodo non ha storia. Caserta non ci crede più e Milano fa ruotare tutti i suoi giocatori in vista delle Final 8 della prossima settimana. Milano con Gentile mette la terza tripla della sua partita mentre per Caserta l'ultimo quarto serve solo a mandare a referto anche capitan Mordente e a provare ad avvicinarsi alla soglia minima dei 50 pt realiazzati, obbiettivo non raggiunto: il finale è di 61-43 per l'Olimpia che continua la sua striscia di risultati utili consecutivi allungandola a sette e portandosi prima in classifica in compagnia della sola Brindisi con lo scontro diretto a favore. Emanuele Terracciano