Politica

GRAZZANISE. PD, rimborsi per le tessere annullate: Palladino fa chiarezza

Il tesoriere dei democrat mazzonari, ieri sera, nel circolo Jotti, ha incontrato la stampa locale GRAZZANISE – Non sappiamo se, alla fine di questi tormentati mesi, l’accordo


Il tesoriere dei democrat mazzonari, ieri sera, nel circolo Jotti, ha incontrato la stampa locale GRAZZANISE – Non sappiamo se, alla fine di questi tormentati mesi, l’accordo tra le due aree del Pd mazzonaro si farà o non si farà. Al momento pare che il gruppo sostenitore della delegata renziana sia deciso a correre da solo ed ha contestualmente iniziato a comunicare alla stampa quali saranno i due punti che verranno affrontanti nelle ore di discussione prima della celebrazione del congresso.  Il primo topic, abbastanza prevedibile, riguarda  il bilancio dell’attività degli ultimi anni. Il secondo, invece, si riferisce allo stato finanziario del partito, in particolar modo al rimborso delle quote di tesseramento del 2012, dopo il suo invalidamento. Ieri sera, mercoledì,  il tesoriere del circolo Jotti, Antonio Palladino, ha tenuto una conferenza stampa proprio per chiarie la questione economica. “Avevo detto che dopo l’assemblea tutte le carte sarebbero state messe a disposizione del segretario eletto, ma – ha argomentato Palladino, - visto che è stata messa in gioco la mia dignità allora ho chiesto prima alla stampa di ascoltarmi. I soldi che il partito ci ha rimborsato – sventolando la ricevuta – in parte sono stati usati per rifare le tessere agli iscritti che avevano deciso di far parte del progetto Pd anche per il 2013. Il denaro rimanente è restata al partito(praticamente si tratta dei 5 euro, sui 15 per tessera, che restano come norma vuole alla sezione) andando a compensare il passivo che resta ancora di 372 euro. Fatte le elezioni, chi vincerà. se vorranno ridistribuirli agli iscritti... bene. In caso contrario faranno cassa. Inoltre  - ha concluso il tesoriere, - vi consegno tutte le spese che si sono registrate per il 2013”. Concluso l’argomento finanziario, Palladino e Rullo, segretario facente funzione, hanno affrontato anche la situazione politica interna alla sezione. “Cercheremo fino alla fine di trovare un accordo, - ha fatto sapere lo storico militante democrat - La proposta di avere il direttivo diviso equamente e la nomina di vice segretario da affidare un iscritto del nostro gruppo non è stata accetta. Ci proveremo ancora, in caso contrario abbiamo già la lista”. Giuseppe Tallino