Cronaca Nera

CAMORRA. Camillo Belforte, Di Lillo e Piccolo restano in carcere

Il figlio del boss Salvatore Belforte è accusato di associazione a delinquere e detenzione e vendita di armi e materiale esplosivo


MARCIANISE - Camillo Belforte resterà in carcere. Il riesame ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dall'avvocato del figlio del capoclan Salvatore Belforte. Il giovane, arrestato in una indagine collegata a quella degli appalti Asl, è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso e detenzione e vendita di armi e materiale esplosivo. Il riesame ha detto no alla richiestsa di scarcerazione anche per Domenico Di Lillo e Gabriele Piccolo