Cronaca Nera

ESCLUSIVA MONDRAGONE / Torna libero l'estorsore di Salvatore Neri della Standa di viale Margherita

Lo ha deciso il giudice di sorveglianza, la dottoressa, Golia, che ha accolto l'istanza dell'avvocato difensore Giovanni Zannini MONDRAGONE - Il Magistrato di Sorveglianza di S


Lo ha deciso il giudice di sorveglianza, la dottoressa, Golia, che ha accolto l'istanza dell'avvocato difensore Giovanni Zannini MONDRAGONE - Il Magistrato di Sorveglianza di S. Maria Capua Vetere, la dott.ssa Golia ha accolto la richiesta dell'avvocato Giovanni Zannini  concedendo al pluripregiudicato Giovanni Bova (ininterrottamente detenuto dal mese di maggio del 2007) il beneficio della liberazione anticipata con sconto pena di 90 giorni e conseguente provvedimento di scarcerazione dell'uomo da parte dell'ufficio esecuzione della Procura presso il Tribunale di Napoli. Bova stava scontando una pena detentiva definitiva pari ad anni 6 di reclusione per concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso in danno dell'imprenditore Salvatore Neri, quello della Standa di viale Margherita (poi divenuto collaboratore di giustizia) e per accertata appartenenza, per effetto della recente sentenza di condanna emessa dal Gup del Tribunale di Napoli dott. Cananzi su richiesta del pm. DDA di Napoli dott. Catello Maresca, al clan capeggiato da Giacomo Fragnoli insediatosi a Mondragone fino al mese di ottobre del 2010 sulle ceneri del clan La Torre, ormai disarticolato dopo il pentimento del capoclan Augusto La Torre.