Politica

CASERTA / La poltrona della Ucciero si puntella: "colpo di fulmine" tra l'assessora e il senatore D'Anna

Durante la campagna elettorale che l'ormai ex cosentiniano ha condotto distaccandosi dal gruppo degli altri candidati, è entrato nel meccanismo dell'amministrazione comunale di C


Durante la campagna elettorale che l'ormai ex cosentiniano ha condotto distaccandosi dal gruppo degli altri candidati, è entrato nel meccanismo dell'amministrazione comunale di Caserta, abilmente inseritovi dal furbo Polverino   CASERTA - Le parole usate dal capogruppo del Mpa in Consiglio comunale, Massimiliano Palmiero, durante la seduta dedicata all'approvazione del Bilancio Consuntivo 2011, hanno fatto capire che questo partito e che questo gruppo ha tutt'altro che rinunciato a rivendicare la presenza in giunta comunale di un loro rappresentante. Il problema, dunque, si ripresenterà al più presto, soprattutto quando si tratterà di votare il bilancio di previsione e i debiti fuori bilancio. Visto quello che sta capitando in questi giorni, i margini appaiono ristretti. Infatti, o dalla giunta salta via Mariano, oppure non si sa bene chi dovrebbe fare spazio all'assessore Mpa. Notizie che diventano ancor più nefaste per Pasquale Napoletano e Lorenzo Gentile, che da sempre aspettano, il primo di entrare in giunta, il secondo di surrogarlo in Consiglio. A quante pare, infatti, la poltrona dell'assessora Teresa Ucciero, si è addirittura rafforzata in queste ultime settimane, dato che la Ucciero è riuscita a trova un santo protettore non da poco, dato che si tratta del senatore Enzo D'Anna. Pare che tra i due sia scoppiato un vero e proprio colpo di fulmine, politicamente parlando, ovvio. Una consonanza di ideali, di aspirazioni. Insomma, avrebbe cantato Mina: "Questione di feeling. I due si cercano, si pensano e condividono un comune afflato per la politica riformista che dovrebbe scaricare i suoi effetti sui programmi dei lavori pubblici della città di Caserta. Enzo D'Anna e Teresa Ucciero sono diventati inseparabili. G.G.