Politica

CASTEL VOLTURNO / PDL, Luise ora gioca d'anticipo ed entro 48ore incontrerà Giuliano per organizzare il partito

L'ex assessore della giunta Scalzone, apre ai dissidenti, e tenta di bruciare in partenza il nipote in previsione di un presunto derby elettorale.   CASTEL VOLTURNO - Ent


L'ex assessore della giunta Scalzone, apre ai dissidenti, e tenta di bruciare in partenza il nipote in previsione di un presunto derby elettorale.   CASTEL VOLTURNO - Entro 48ore l'ex assessore ai Lavori Pubblici, Sergio Luise, incontrerà personalmente il coordinatore provinciale del Pdl, Pasquale Giuliano. L'ex braccio destro dell'ex sindaco Antonio Scalzone ha deciso di giocarsi una partita importante nello scacchiere politico del centro destra, dopo il risultato elettorale che ha visto premiare nuovamente il partito di Berlusconi in città. I motivi sono tanti, ma tutti hanno un comune obiettivo l'organizzazione di un partito che in città riparte dal 45% di consensi ottenuti in vista delle elezioni comunali che si dovrebbero tenere fra circa un anno. Luise non vuole assolutamente perdere terreno sul fronte dell'eredità politica e amministrativa del centro destra. Anzi, questa volta ha deciso di giocare di anticipo, anche perchè in famiglia, quella Luise, ovviamente, il nipote Antonio Luise ha deciso di aderire all'Udc e con Nicola Oliva e Arturo Villano  sta lavorando ad un progetto politico nuovo. Dall'incontro con il senatore uscente Giuliano, Sergio Luise come ha annunciato a Casertace, intende portare a casa un risultato positivo, rappresentato dalla validazione di un progetto politico nuovo per il partito dei berlusconiani a Castel Volturno. Dopo il periodo di commissariamento, infatti, il Pdl a Castel Volturno risulta ancora essere diviso e variegato. Durante la fase delle elezioni comunali annullate dallo scioglimento del consiglio comunale, infatti, gli azzurri erano rappresentati, da un lato, dal commissario Salvatore Stabile, dall'altra parte c'era il gruppo dei dissidenti del centro storico che era rimasto fedele alla Nugnes. Antonio Spierto, Daniele Papararo e Petrella, infatti, avevano deciso di giocare una partita diversa, rispetto alla proposta di Eugenio Fiorentino sindaco. Altra storia. Dall'incontro di Giuliano, lei, signor Luise, ritiene possibile ottenere un mandato per ricucire gli strappi con i dissidenti del Pdl? E' possibile un recupero? "Io non mi pongo contro nessuno. Chi vuole dare un contributo al Pdl che ben venga. La mia azione intende creare le premesse per attivare tutti i canali possibili al fine di riorganizzare il partito a livello locale, mediante un'azione inclusiva e non escludendo nessuno. Papararo, Spierto, ecc, possono aderire quando volgiono. Dobbiamo prepararci alla prossima competizione elettorale che si terrà in città fra un anno". La sua famiglia sosterrà lei o suo nipote? "Non mi faccia queste domande... Poi il dato elettorale dell'Udc a Castel Volturno, alle ultime elezioni politiche parla da sé". Massimiliano Ive