Politica

ELEZIONI POLITICHE. Summit a 4 all'ex Jolly Hotel. Candidature: ecco cosa si sono detti Graziano, Caputo, Zannini e Bosco

Bosco, Zannini, Graziano, Caputo

Una lunga riunione per cercare di evitare figuracce nei collegi uninominali. Ecco alcuni nomi pronti (eventualmente)


CASERTA - Con Franco Mirabelli, letteralmente scomparso da giorni, dato che si sta vedendo i fatti suoi per la candidatura al Senato in Lombardia, stamattina si è riunito una sorta di quadrumvirato nella hall dell'hotel Royal, ex Jolly di Caserta, tradizionale luogo in cui il consigliere regionale Stefano Graziano, da anni, tiene i suoi incontri quando è nel capoluogo.

Oltre a lui, c'erano, Nicola Caputo, ma anche Giovanni Zannini e Luigi Bosco. Obiettivo, cercare di non far perdere la faccia al Pd e al centro sinistra renziano. Missione complicata e comunque legata a questioni non ancora risolte, come quella dell'elenco dei candidati della lista proporzionale. Graziano, da presidente regionale del partito, ritiene di averne diritto; la Picierno, che non si è sognata neppure lontanamente di partecipare all'incontro di stamattina, se ne sta tranquilla, forte della garanzia ricevuta a Roma della sua candidatura a capolista, mentre la Sgambato, fresca di archiviazione della sua vicenda giudiziaria, è in attesa che il suo capo corrente Orlando le garantisca qualcosa. Va da se che in una situazione del genere, nonostante manchino pochissimi giorni alla presentazione ufficiale e definitiva dei candidati, diventa difficile ipotizzare chi scenderà in campo nei collegi. E' chiaro che Graziano si candiderebbe nell'uninominale se gli dessero il numero 1, in caso contrario no. Fra le tante idee balenate c'è stata anche quella di una candidatura contemporanea di tutti e 4 i presenti alla riunione. Ma nulla è stato definito se non il fatto che, comunque esistono dei nomi che potrebbero essere ancora spendibili per il collegio uninominale. La Esposito non c'era, però ci dicono, che al limite, sarebbe ancora disponibile a rappresentare il partito a Caserta. Mentre per quanto riguarda la zona di Aversa, c'è qualche nome pronto a cimentarsi, è il caso del sindaco di Casaluce Ranny Pagano, mentre è girato anche un nome che, canonicamente, circola in ogni elezione quello del giudice aversano Nicola Graziano. Nel collegio di Capua, Zannini si è detto pienamente d'accordo in merito ad un eventuale coinvolgimento di Benedetto Zoccola. Ma anche di questo si andrà a discutere nella prossima riunione che i 4 di stamattina hanno già programmato per la giornata di domenica. In quel caso, a meno si spera, qualche casella dovrà essere necessariamente coperta.