Politica

ORE 18.08 - ESCLUSIVA - Dopo le dimissioni di Barbato, Sagliocco ufficializza: "Giunta azzerata". Ecco perchè lo strappo dell'assessore sarà irrilevante

La decisione del primo cittadino è arrivata nel pomeriggio di oggi, lunedì.


AVERSA - Azzeramento. Questa volta è il sindaco Sagliocco a prendere direttamente l'iniziativa al di fuori di quella mezza finta fatta qualche settimana fatta dal capogruppo di Forza Italia, Mario Tozzi. E' chiaro che se uno associa la decisione di Elia Barbato di rimettere nelle mani di Luciano Luciano la sua delega di assessore ai Lavori Pubblici, frutto di un problema serio, di una divergenza tra due visioni diverse su come vada affrontata l'emergenza in cui versa via Roma, si fa un'idea del tutto fuorviante della realtà dei fatti. Elia Barbato, poco più di una settimana fa, ha firmato insieme a Sagliocco un manifesto in cui veniva spiegato il motivo per cui l'amministrazione comunale avrebbe proceduto ad aggiustamenti leggeri di via Roma in relazione al fatto che buttare via 100, 200, o 300mila euro per i sanpietrini, per l'acciottolato, avrebbe rappresentato un inutile spreco, dato che da luglio scorso, alla stazione unica appaltante ci sono i documenti per l'aggiudicazione della gara per svariati milioni di euro, proprio per cambiare i connotati di via Roma. Una gara, che, a quanto pare, entro 15 giorni sarà aggiudicata. Rispetto ad una proiezione di due o tre mesi per l'inizio dei lavori finanziati dal Piu, incidere pesantemente oggi sulle casse comunali, per intervenire radicalmente sullo stato del manto stradale, sarebbe, secondo il sindaco e secondo quello che Barbato aveva avallato fino a qualche giorno fa un inutile buttar via soldi. Cosa sia successo in questi giorni per indurre l'assessore ad una resa dei conti con il primo cittadino, lo comprenderemo nei prossimi giorni. Probabilmente, quello che è capitato al mercato ortofrutticolo sabato, con il blitz dei carabinieri, deve aver inciso non poco. Noi, che di solito non ci tiriamo indietro nei pronostici, diciamo fin da ora, che lo strappo di Barbato, a cui, figurativamente ha associato il proprio anche il vicesindaco Nicla Virgilio, non è destinato a provocare situazioni irreversibili. Sagliocco è tranquillo. E il fatto che, oggi pomeriggio, lunedì, sia lui a prendere l'iniziativa dell'azzeramento, vuol dire che ha dei numeri ancora tranquilli in Consiglio comunale. E d'altronde, come abbiamo scritto più volte, Di Grazia, Della Vecchia e Costanzo sono consiglieri a lui vicino e non vicini a Giuliano e ad Elia Barbato. Per quel che riguarda Mario Tozzi e Luciano Luciano, la sensazione è che non andranno ad immolarsi in nome e per conto di Elia Barbato. Scommettiamo. Gianluigi Guarino