Cronaca Nera

OMICIDIO RUGGIERO. La Marina "dimezza" lo stipendio di Guarente. Intanto sui social la denuncia di un'amica: quella notte di capodanno in cui Ciro sparò in aria alcuni colpi di pistola

Gli inquirenti al lavoro per recuperare il filmato e capire se si tratta della stessa arma utilizzata per uccidere il giovane di Parete


AVERSA - Presi provvedimenti nei confronti di Guarente, responsabile dell'omicidio di Vincenzo Ruggiero. L'Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, infatti, ha provveduto a emanare una nota ufficiale con cui viene dimezzato lo stipendio. Dopo l'espulsione dal corpo della Marina Militare, Guarente era stato trasferito negli uffici civili di Roma.

Intanto sul suo conto emergono nuovi inquietanti particolari che la dicono lunga sulla sua personalità. Un'amica, attraverso i social, ha fatto sapere che Guarente, nella notte di Capodanno del 2016, avrebbe esploso alcuni colpi di pistola in aria, per festeggiare l'arrivo del nuovo anno. Il filmato pare si trovasse nell'archivio multimediale del profilo facebook di Guarente che lo stesso ha chiuso solo pochi giorni prima del suo arresto. Ora gli inquirenti starebbero cercando di recuperare questo video per capire se possa trattarsi della stessa pistola utilizzata per uccidere Ruggiero.

Online, invece, è facilmente reperibile un video del 29 aprile scorso che pubblichiamo qui sotto, in cui, lo stesso, dimostra la sua lucida follia nel mettere in atto gesti spericolati come quello di spruzzare del gas su una fiammma. 

RED.CRO.