Politica

S.MARIA C.V. - Nella gara delle poste private, vinta dall'amico di Di Muro, un'altra impresa è stata invitata per fax a sole 24 ore dalla scadenza dei termini

Dove ti giri giri, si sente puzza di cose non commendevoli. Questa vicenda andrebbe approfondita ulteriormente     SANTA MARIA CAPUA VETERE - Come ben conoscono i nos


Dove ti giri giri, si sente puzza di cose non commendevoli. Questa vicenda andrebbe approfondita ulteriormente     SANTA MARIA CAPUA VETERE - Come ben conoscono i nostri lettori, un amico stretto del sindaco Biagio Di Muro si è aggiudicato significativi appalti nel settore della notifica delle cartelle, relative ai tributi cittadini. Stiamo parlando del signor Giuseppe Carbone, collegato direttamente a persone come Alabiso, oggi conigliere comunale, e a "Peppione" Napoletano, che anche le pietre conoscono e riconoscono come pretoriani dell'attuale primo cittadino. Gli affidamenti sono stati realizzati con delle garette a invito, nel senso che sono state invitate quattro-cinque imprese dello stesso settore, a cui è stato chiesto di formulare un'offerta per l'erogazione del servizio, con il corredo di diversi documenti. Una cosa del genere avviene, solitamente, dando alle imprese invitate un minimo di tempo a disposizione per preparare la suddetta documentazione. Ebbene, per una delle gare aggiudicate a Carbone, per un importo di circa 80mila euro, almeno uno degli inviti è arrivato, 24 ore prima della scadenza dei termini per la presentazione dei documenti, tramite fax . Questo che stiamo raccontando è accaduto al titolare della posta privata "City" di via Alcide De Gasperi di Santa Maria Capua Vetere. Inutili le rimostranze del titolare dell'impresa, il quale ha tentato in tutti i modi di spiegare che sarebbe occorso un mago per preparare tutte quelle carte in sole 24 ore. Chi è il dirigente che ha gestito questo procedimento? Forse Sorà?   Gianluigi Guarino