Cronaca Nera

LE INTERCETTAZIONI. CAMORRA & ASSICURAZIONI. Ecco come Zara, Di Bernarndo e Ciccarelli avrebbero voluto fregare "o sceriffo"

L'intento dei tre è registrato, secondo gli inquirenti, nell'ambientale captata il 20 settembre nel 2011 nell'auto di Ciccarelli, ma il timore di incorrere nelle ire di Fontana b


L'intento dei tre è registrato, secondo gli inquirenti, nell'ambientale captata il 20 settembre nel 2011 nell'auto di Ciccarelli, ma il timore di incorrere nelle ire di Fontana blocca il progetto di mettersi in proprio nell'alto casertano CASERTA -  Le intercettazioni contenute nell'ordinanza firmata dal giudice Foschini sono dimostrative, per i giudici della Dda, Sirignano e Conzo, della consapevolezza propria degli indagati circa la solidità e la potenzialità redditizia della compravendita delle Rca false, tanto che  “Zara, Di Bernardo e Ciccarelli, stanchi di attendere, - è scritto testualmente nel documento -  pensavano di avviare l’attività ‘ in proprio’, almeno nell’alto casertano. Poi  però desistevano dal proposito,  per timore di incorrere nelle ire dello ‘Sceriffo’.” Analizzando le ambientali si comprende come secondo gli indagati l’attività che svolgono sia diciamo faticosa e dispendiosa: “CICCARELLI: 2000 chilometri al giorno.. un pieno ogni due giorni… ZARA: ma te l'ho detto, per me si sta allargando troppo assai.. (lo Sceriffo) Ulderi’.. CICCARELLI:io direi di non pensare più al fatto di Caserta e andrei da Gino (ndr Sportiello)  ZARA: per me la deve finire (si riferisce a Michele Fontana)… DI BERNARDO: ci mettiamo a Gino insieme, siamo 4 di noi.. ci prendiamo una multa... Esaminando le intercettazioni si avverte anche come, per gli inquirenti, quella di Michele Fontana sia una figura centrale, di riferimento che frena gli impulsi decisionali degli indagati. Si tratta di una situazione che fisiologicamente   crea tentativi di “insubordinazione” non concretizzati come quelli registrati nell’ambientale del 20 settembre 2011: “ZARA: no, andiamo a Caserta noi Ulderico.. alle 14.00 alle 14.30 ti viene a prendere!.. io mi allungo a piedi inc… io vado là (ndr casa di Michele Fontana) dico: che hai fatto?.. quello dice: tutto a posto..  allora mo.. prendo e mi avvio a Caserta.. DI BERNARDO: e se dice: non andare da nessuna parte… ZARA: e io dico che ci vado.. inc… ci andiamo e basta… DI BERNARDO:   se non ci fa sapere niente inc… e ci mandano a comprare il sale..… omissis …   Poi "il pomeriggio del 20.9.2011-  è scritto a pag. 50 del documento -  Ciccarelli, Zara e Di Bernardo  ricevevano da Fontana l’autorizzazione a concludere le trattative.”