Sport

CALCIO, le serie minori. CASAGIOVE, Chiummariello e Capobianco si presentano

Gli ultimi due acquisti dell'Hermes hanno già esordito sabato scorso a Cimitile, nella partita che ha riportato in testa da soli i giallorossi allenati da Casaccio. Hanno fatto


Gli ultimi due acquisti dell'Hermes hanno già esordito sabato scorso a Cimitile, nella partita che ha riportato in testa da soli i giallorossi allenati da Casaccio. Hanno fatto il loro esordio sabato i due nuovi acquisti dell’Hermes Casagiove, Chiummariello e Capobiano. Gli ultimi arrivati alla corte di mister Casaccio, sono un ritorno ed un volto nuovo per la squadra giallorossa. Esordio fortunato quello del “Comunale” di Cimitile per i due visto che, se è vero che la partita è terminata solo con un punto, l’1-1 ha regalato nuovamente il primato solitario all’Hermes. Come si diceva, per Dario Chiummariello si tratta di un ritorno. Già la scorsa attaccante il 35enne centrocampista aveva vestito la maglia giallorossa, realizzando 7. “Un gradito ritorno – afferma entusiasta –, dopo la breve parentesi con lo Zupo Teano. Desideravo fortemente tornare ed infatti ho rifiutato tutte le altre proposte pervenutemi. Sono tornato in vero gruppo, composto da persone serie e calciatori importanti, e lavorerò duramente per acquistare la migliore condizione atletica poiché un infortunio mi ha frenato per 80 giorni. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in me e spero di ripagare la fiducia di chi mi ha riportato a Casagiove”. Pur non essendo un ritorno, i giallorossi del presidente Corsale ben conoscono Vincenzo Capobianco, nella scorsa stagione tre volte a segno negli incroci con il Casagiove. “Darò il massimo – afferma il 26enne attaccante svincolato dal Vitulazio ma con precedenti anche nel Gladiator – per regalare goal e buone prestazioni all’Hermes. Accasandomi a Casagiove, ho fatto un passo in avanti poiché mi sono spostato in un club che punta al salto di categoria. Sono felice per il fatto che il gruppo mi ha subito messo a mio agio e spero di aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati dalla società. Alla fine della gara d’andata della passata stagione, terminata 2-2 con la doppietta mia e quella di Gennaro Monaco, dissi che mi avrebbe fatto piacere un giorno giocare con lui e sono contento che ciò si sia avverato. Per me è un gran piacere giocare con un mio amico, un gran calciatore che riesce a dribblare con facilità gli avversari e ti permette di sfruttare i suoi assist”. Redazione sportiva