Politica

AVERSA - I sagliocchiani Della Vecchia, Di Grazia e Costanzo vogliono cacciare Elia Barbato dalla Giunta. Pasquale Giuliano a malapena riesce a difendere la poltrona di Nicla Virgilio

L'altro ieri sera, lunedì, riunione molto tesa del gruppo consiliare ex PDL. Potrebbe trattarsi solo di un avvertimento, per tenere buono l'ingenere "invadente" nel settore dei L


L'altro ieri sera, lunedì, riunione molto tesa del gruppo consiliare ex PDL. Potrebbe trattarsi solo di un avvertimento, per tenere buono l'ingenere "invadente" nel settore dei Lavori Pubblici e in vista del PUC AVERSA - Solo un terno non indoviniamo. Quando abbiamo mappato il gruppo consiliare ex PDL, oggi (forse) Forza Italia, abbiamo chiaramente detto che gli unici ad essere collegati, alle posizioni di Pasquale Giuliano e, dunque di Forza Italia, erano Mario Tozzi e Luciano Luciano. Tutti gli altri, cioè Di Grazia, Costanzo e Della Vecchia con Forza Italia non c'azzeccano niente, ma rispondono direttamente a Sagliocco, che orienta tutte le loro mosse. E così è capitato anche l'altro ieri sera, lunedì, quando questa evidenza, raccontata più volte da Casertace è uscita allo scoperto, quando i tre eteodiretti da Sagliocco, hanno chiesto sostanzialmente, la testa dell'assessore Elia Barbato. In lingua democristiana, che è quella che Sagliocco conosce a meraviglia, questo non significa necessariamente che la testa di Barbato cadrà, ma può significare che Sagliocco abbia voluto mandare un messaggio chiaro a Pasquale Giuliano. Della serie: o Barbato la pianta di fare il solista, e - " la mia faccia sotto ai piedi vostri" - si consegna a un giuramento di fedeltà acritica e servizievole al sindaco oppure io, Sagliocco, la forza consiliare per cacciarlo dalla Giunta ce l'ho eccome. Di Grazia, Della Vecchia e Costanzo hanno utilizzato argomentazioni piuttosto stringenti per mettere nell'angolo Barbato, a partire da quella riguardante il doppio incarico, ricoperto da Barbato, contemporaneamente super assessore ad Aversa e consigliere provinciale a Caserta. Se si tratta di un attacco finalizzato a far fuori Barbato oppure solo di un monito per farlo stare buono, ce lo diranno le prossime settimane. Per il momento ci limitiamo a segnalare che l'attuale forza di Pasquale Giuliano gli permette a malapena di conservare il posto di vicesindaco/assessore della sua pupilla, Nicla Virgilio.   Gianluigi Guarino