Sport

CASERTANA - Il mea culpa di Rinaldi: "Chiedo scusa per il rosso a Cosenza, un errore imperdonabile"

Le parole, tramite un comunicato ufficiale, del difensore napoletano in merito all'espulsione di domenica Un rosso che, molto probabilmente, è costato due punti alla Casertana


Le parole, tramite un comunicato ufficiale, del difensore napoletano in merito all'espulsione di domenica Un rosso che, molto probabilmente, è costato due punti alla Casertana nella difficile trasferta di Cosenza. Un rosso ingenuo, quello rimediato da Giuseppe Rinaldi, che quel giorno indossava anche la fascia di capitano. Il difensore, però, dall'alto della sua esperienza è cosciente del suo errore e chiede scusa, tramite una nota sul sito ufficiale dei Falchetti: "Chiedo scusa a società, mister Ugolotti, staff tecnico, compagni di squadra e tifosi per l’espulsione rimediata a Cosenza. Sono cascato nella trappola delle provocazioni ed ho commesso un errore gravissimo. So bene che un calciatore d’esperienza come me non può permettersi certi comportamenti. Sono dispiaciuto e mortificato. Un errore imperdonabile anche perché sul braccio portavo con orgoglio la fascia di capitano. Non era certo mia intenzione intaccare l’impeccabile prestazione della mia squadra. E sono consapevole che la mia ingenuità ha pesato non poco sull’andamento della gara. Chiedo scusa. Mi assumo le mie responsabilità e sono consapevole che soltanto con il lavoro potrò riconquistare la fiducia di tutto l’ambiente. Quando ho scelto di indossare questa gloriosa maglia l’ho fatto sapendo di approdare in una grande piazza e in una società ambiziosa che meritano profondo rispetto. Tengo tantissimo a questi colori e per questo lavorerò per farmi perdonare sul campo". Redazione Sportiva