Cronaca Bianca

TERREMOTO - Summit in Regione questa mattina per la stima dei danni. Caldoro: " Risorse comunitarie per la messa in sicurezza"

Così Edoardo Cosenza, assessore alla Protezione civile: "sono state già risolte le emergenze relative all'acquedotto di San Gregorio Matese ed alla strada provinciale Piedimonte


Così Edoardo Cosenza, assessore alla Protezione civile: "sono state già risolte le emergenze relative all'acquedotto di San Gregorio Matese ed alla strada provinciale Piedimonte-San Gregorio Matese"   NAPOLI - Il governatore Stefano Caldoro, in Regione Campania, ha incontrato i sindaci dei Comuni del Beneventano e del Casertano, colpiti dal sisma dello scorso 29 dicembre, per fare il punto della situazione sugli interventi effettuati, sul censimento dei danni e sugli ulteriori percorsi da intraprendere per la messa in sicurezza del territorio. "Il terremoto del 29 dicembre è stato un evento di entità significativa, ma non eccezionale, tenendo presente che si è verificato in una zona ad alto rischio sismico - ha sottolineato l'assessore alla Protezione civile, Edoardo Cosenza - la Protezione civile regionale è subito intervenuta in stretta sinergia con le Prefetture di Benevento e Caserta ed ha attivato prontamente il Centro Operativo Misto di Piedimonte Matese". "In particolare, sono state risolte le emergenze relative all'acquedotto di San Gregorio Matese ed alla strada provinciale Piedimonte-San Gregorio Matese, ma è chiaro che sul piano delle strette urgenze, così come sulla prosecuzione del censimento dei danni, la Regione continuerà a fare la propria parte". "Per gli altri interventi importanti, inclusi quelli relativi alla messa in sicurezza degli edifici privati, sarà possibile individuare dei percorsi che, attraverso i più idonei strumenti della programmazione negoziata, consentendo un ponderato impiego delle risorse europee" - ha concluso Cosenza. "Pur con tutte le complicazioni del contesto generale tipico degli eventi sismici, continuiamo a fare la nostra parte nel supportare concretamente i Comuni colpiti - ha dichiarato il presidente Caldoro - Verifichiamo insieme cosa è possibile fare, in via amministrativa e attraverso l'utilizzo delle risorse comunitarie, per contribuire alla superamento dei danni, alla messa in sicurezza ed all'adeguamento sismico delle strutture" - ha concluso.