Cronaca Bianca

ORE 20.00 ESCLUSIVA S. MARIA C.V. - L'impresa "prorogata a vita" delle mense scolastiche ha incassato per 15 giorni di servizio 24 mila euro

Con una detrmina dello scorso dicembre. Da 4 anni macina quattrini senza avere l'incomodo di partecipare a una gara d'appalto e di vincerla S. MARIA C.V. - Pensi di scrivere cose


Con una detrmina dello scorso dicembre. Da 4 anni macina quattrini senza avere l'incomodo di partecipare a una gara d'appalto e di vincerla S. MARIA C.V. - Pensi di scrivere cose incredibili. Pensi di raccontare una realtà inaccettabile per un cittadino normale. Pensi di aver narrato di una gestione amministrativa che ha toccato il fondo. E invece non è così. Non c'è fondo a Santa Maria Capua Vetere. La vicenda delle proroghe che si trascinano ormai da 4 anni a favore della EP, l'azienda che eroga tutti i servizi mensa nekle scuole della città, è ben conosciuta ai nostri lettori. Nell'ultimo articolo avevamo scritto, additando il fatto come l'ennesima infamia amministrativa di tutte le amministrazioni della città ma soprattutto di quest'ultima, il fatto che all'impresa venisse consentito di introitare da anni circa 30 mila euro al mese, nonostante il suo incarico sia scaduto da una vita e che non venga fatto un nuovo bando. Il peggio del peggio? Scorri le determine del mese di dicembre e ne trovi una nella quale all'impresa EP vengono liquidati 24 mila euro per il servizio mensa erogato dal 14 al31 ottobre. In poche parole, questi qua, in proroga, ormai a tempo indetrrminato, beccano quasi 50 mila euro al mese. C'è ancora qualcuno a S.Maria che può seriamente sostenere che noi nutriamo un pregiudizio nei confronti di questa amministrazione? O si tratta, invece, di giudizi su documenti che, in un altro posto, parlerebbero da se e che invece, in questo posto, dove non esiste una cittadinanza nè attiva e nè passiva, bisogna sottolineare urlando contnuamete in un megafono. Gianluigi Guarino