Cronaca Bianca

MARCIANISE - Grande successo per la tradizionale serata di beneficenza della "Madonna della Libera"

La serata è stata dedicata alla memoria di un fedele molto caro all'intera parrocchia, tragicamente scomparso lo scorso anno       MARCIANISE - Una serata


La serata è stata dedicata alla memoria di un fedele molto caro all'intera parrocchia, tragicamente scomparso lo scorso anno       MARCIANISE - Una serata che i marcianisani, in special modo i fedeli della chiesa della "Madonna della Libera", attendono sempre con trepidazione. Un appuntamento fisso, entrato a far parte della tradizione parrocchiale: si tratta della serata di beneficenza del 5 gennaio, durante la quale si alternano, ogni anno, come in un valzer, giri di tombola e atti di una commedia allestita e messa in scena dai ragazzi dello stesso gruppo parrocchiale. L'intero evento, come sempre da numerosi anni a questa parte, è stato organizzato in occasione della Giornata dell'Infanzia Missionaria, pertanto tutto il ricavato andrà a finanziare i progetti del Fondo Universale di Solidarietà delle Pontificie Opere Missionarie (http://www.ragazzi.missioitalia.it/progetti.php). "La famiglia Bruscolin", questo il titolo della commedia rappresentata quest'anno, due atti di Oreste De Santis interpretati per l'occasione dai seguenti "attori per una sera": Benito di Fuccia, nel ruolo di Ferdinando; Maria Libera Zarigno, nel ruolo di Rafilina; Antonio Valentino, nel ruolo di Vincenzino; Tommaso Valentino, nel ruolo di Gennaro; Giuseppe De Angelis, nel ruolo di Pasquale il salumiere; Anna Raucci, nel ruolo di Luciella. Pino guida ha fornito un prezioso contributo alla regia. "Un ringraziamento particolare va a don Pietro - sono intervenuti i ragazzi protagonisti della serata - che non ci risparmia mai le sue risorse e il suo tempo. Vogliamo anche ringraziare la nostra amica Carla Moretta, che si è impegnata con noi per l'allestimento della commedia (nella quale doveva essere Luciella), ma che poi, all'ultimo momento, non ha potuto parteciparvi per motivi di forza maggiore. S e non fosse stato per Anna Raucci, che l'ha sostituita studiando la parte in soli due giorni, non avremmo saputo come fare". L'intera serata, commedia e tombolata di beneficenza, è stata discretamente dedicata alla memoria di un fedele tragicamente scomparso lo scorso anno: "Vogliamo ricordare una persona che ha ci sempre sostenuto, ci è sempre stato vicino. Speriamo di farlo sorridere anche questa sera".   Maria Concetta Varletta