Politica

S.MARIA.C.V, Gennaro Oliviero stende un altro tappeto rosso ad Alfonso Salzillo. Socialisti pronti a chiedere la verifica e un posto in Giunta. Mattucci e Rinaldi tremano

Stamattina, domenica, nuova riunione a cui ha partecipato anche Martino Valiante, assessore e segretario cittadino in pectore. Nei giorni scorsi, immediatamente dopo il Capodanno,


Stamattina, domenica, nuova riunione a cui ha partecipato anche Martino Valiante, assessore e segretario cittadino in pectore. Nei giorni scorsi, immediatamente dopo il Capodanno, era stato il consigliere regionale a coordinarne un'altra, con la benedizione di Maria Luisa Chirico S. MARIA C. V.- Alfonzo Salzillo dovrà ringraziare i pubblici ministeri della DDA di Napoli che nel giugno scorso chiesero che fosse arrestato per camorra. Li deve ringraziare Salzillo o chissà, tutti i cittadini di Santa Maria Capua Vetere, ai quali questa vicenda giudiziaria, non risolta, ha restituito un politico, mai come questi ultimi tempi, attivo, creativo, centrale, se non addirittura, decisivo all'interno dello scenario politico locale. Centrale e rispettato anche dal leader indiscusso del partito a cui Salzillo ha di recente aderito e che, per la seconda volta, nel giro di poche settimane, è venuto a Santa Maria Capua Vetere proprio per Salzillo, indagato per camorra. La prima volta, per presenziare alla conferenza stampa, durante la quale fu ufficializzato l'ingresso di Salzillo nel partito socialista; la seconda volta, proprio nelle giornate immediatamente successive al Capodanno, per coordinare una riunione, alla quale, oltre a Salzillo, hanno partecipato anche gli altri due consiglieri comunali Nicola Leone e Di Monaco, ma pure Martino Valiante, il cui ingresso nel partito di Oliviero è ormai prossimo. Stamattina, domenica, una nuova riunione, stavolta senza Oliviero, ma con la benedizione di Maria Luisa Chirico. Si prepara l'affondo di fine gennaio: una richiesta di verifica che è la solita parola, utilizzata come una foglia di fico per nascondere gli autentici e unici obiettivi di queste operazioni:il potere e le poltrone. Con quattro consiglieri, infatti, i socialisti chiedono due assessori: il secondo dovrebbe essere proprio Martino Valiante, il quale consentirebbe l'ingresso in consiglio di Paolo De Riso, pure lui pronto a passare dalla sponda di Massimo Grimaldi a quella di Gennaro Oliviero. Martino Valiante sarebbe con il placet anche della Chirico, assessore ma anche segretario cittadino. Un anno e mezzo per rafforzare il partito e l'ambizione di Nicola Leone di correre per la carica di sindaco, ovviamente dopo aver spedito a casa Di Muro 6,8 mesi prima della scadenza naturale della consiliatura. Chi farebbe posto a Valiante in Giunta? Stavolta Mattucci e Rinaldi, due consiglieri, un presidente del consiglio e un assessore, numeri alla mano, rischiano veramente grosso.   Gianluigi Guarino