Sport

CALCIO, serie D. Marcianise e Gladiator, trasferte complicate

Progreditur a Francavilla, contro la quinta in classifica. Tornano Posillipo, Temponi e Citro. I nerazzurri di scena contro la Turris: dopo quanto successo durante la sosta, serve


Progreditur a Francavilla, contro la quinta in classifica. Tornano Posillipo, Temponi e Citro. I nerazzurri di scena contro la Turris: dopo quanto successo durante la sosta, serve un miracolo per uscirne indenni Ricomincia domenica il campionato di serie D, con la prima del girone di ritorno. Il giro di boa è coinciso con le vacanze di Natale ed è stata una sosta con umori decisamente diversi per Progreditur Marcianise e Gladiator. I gialloverdi, oltre a lavorare, si sono goduti un primato maturato nel corso di uno strepitoso girone d’andata, al di là di ogni più rosea previsione della vigilia. La ripresa delle ostilità prevede una trasferta difficile e piena di insidie come quella di Francavilla contro la quinta in classifica.“Avversario peggiore – afferma il direttore tecnico Alessandro Malafronte, in un’intervista rilasciata al sito della società – non ci poteva capitare per ricominciare. Nove anni consecutivi di serie D, squadra esperta, in possesso di ottime individualità, che in casa è un vero rullo compressore. Dei 24 punti a disposizione finora, sul campo ne ha conquistati 19. Ci vorrà il migliore Marcianise per uscire indenni dal ‘Fittipaldi’, concentrato per tutto l’arco dei novanta minuti, affamato e voglioso di riscatto dopo la sconfitta di Taranto”. Agli ordini di Foglia Manzillo la compagine gialloverde si è allenata con regolarità con l’obiettivo di rimettere benzina nel motore; per questo i calciatori sono stati sottoposti ad un vero e proprio tour del force: 25 e 26 dicembre, oltre a mercoledì 1 gennaio, sono stati gli unici giorni in cui non ci sono allenamenti. La sosta è stata più lunga del previsto, a causa del turno di riposo previsto nell’ultima giornata del girone d’andata. “Finalmente, non vedevamo l’ora – continua il dt - di tornare in campo. E’ stata una sosta che ci è servita per ricaricare le batterie, è stato un girone di andata dispendioso di troppe energie, fisiche e nervose, per cui necessitavamo di una sosta lunga. I ragazzi hanno lavorato bene e vogliono continuare il percorso iniziato il 25 luglio. Finora il gruppo – prosegue Malafronte -  è stato perfetto, ma bisogna continuare ad avere cattiveria e voglia di arrivare, altrimenti tutti nel breve tempo si dimenticheranno di ciò che finora questi ragazzi hanno fatto”. Una sosta giunta a proposito anche per recuperare qualche calciatore acciaccato come Citro, capocannoniere del campionato, e per inserire nei meccanismi il nuovo acquisto Conte. Senza considerare che torneranno, dopo la squalifica scontata a Taranto, anche Posillpo e Temponi mentre si attendono ancora notizie sul caso Conte. In questi giorni inoltre si è provveduto ad una risemina del manto erboso del ‘Progreditur’ apparso in condizioni critiche nelle ultime uscite di campionato. Scenario decisamente diverso in casa nerazzurra, che domani sarà di scena sul campo della Turris seconda in classifica, in grande ascesa nelle ultime settimane del 2013. Anche in questo caso difficilmente il calendario poteva riservare un avversario peggiore. Ci vorrà una prestazione di grande carattere per uscire indenni, specie dopo le tante vicissitudini durante la sosta tra allenamenti saltati e cambi in panchina, con l’arrivo di Di Pierro. Ipotizzare formazioni in questo caso è praticamente impossibile visti i tanti cambi in rosa ed il poco tempo avuto a disposizione da Di Pierro per valutare i singoli elementi. La speranza è che l’annuncio del nuovo allenatore e gli ultimi acquisti, risollevino il morale della squadra e dei tifosi, sempre più infuriati con la nuova società. Redazione sportiva