Politica

MADDALONI verso il consiglio comunale. Esternalizzazione dei tributi, l'accusa di "Maddaloni nel cuore": "L'incontro con la IAP non è servito a nulla"

Mario Barbato, esponente del gruppo d'opposizione "Maddaloni nel cuore", dice la sua sulla questione Iap MADDALONI - I cittadini, in qualità di contribuenti, devono affrontare u


Mario Barbato, esponente del gruppo d'opposizione "Maddaloni nel cuore", dice la sua sulla questione Iap

MADDALONI - I cittadini, in qualità di contribuenti, devono affrontare un inizio d'anno ricco di tasse da pagare, soprattutto dopo essere stati colpiti dalla scure dell’esternalizzazione dei tributi.

Mario Barbato, rappresentante del gruppo consiliare d'opposizione "Maddaloni nel cuore", è così intervenuto al riguardo: "L’incontro con la società IAP, a mio modesto parere, non ha sortito nulla, in quanto lo scenario non è in alcun modo modificato. Gli accertamenti vengono notificati, il disagio dell’incontro con il personale della IAP è sempre più forte sia sotto l’aspetto logistico e dell’attesa che dal punto di vista della preparazione del personale a fornire spiegazioni che, in alcuni casi, rasentano l’asineria". Secondo Barbato, l’aver allungato i termini per l’autotutela rappresenta una mera presa per i fondelli, in quanto gli addetti ai lavori sanno benissimo che i termini per la presentazione del ricorso presso le Commissioni Competenti non sono prolungabili, ma vengono stabiliti dalla legge. "Mi spiego: - ha continuato - l’esternalizzazione era una cosa assodata e maldestramente voluta dalla precedente amministrazione, per cui andava quantomeno guidata ed assistita con giudizio, mettendo a disposizione della società il bagaglio di conoscenza ed esperienza dei funzionari del Comune. Questo al solo scopo di evitare il caos che si è verificato e che sicuramente continuerà ad intasare gli uffici e le Commissioni, senza che le casse comunali ne traggano benefici". Barbato chiarisce, con estrema decisione, che per il passato, i contribuenti iscritti a ruolo hanno pagato sulla scorta di regolamenti, accertamenti, misurazioni (STEL) e quant’altro, per cui non è assolutamente ammissibile riferirsi agli anni precedenti, pur condannando il comportamento con il quale il cittadino si sottrae, illecitamente, al pagamento delle imposte dovute. L’invito forte di "Maddaloni nel cuore" è rivolto, dunque, al Presidente del Consiglio Giacomo Lombardi: "La celebrazione di merito del Consiglio Comunale è un atto dovuto al quale, per tanti motivi, non ci si può e non ci si deve sottrarre, perchè rappresenta la sede qualificata ad esprimere, democraticamente, l’opinione politico-amministrativa di coloro i quali sono stati deputati a rappresentare il popolo maddalonese, tutelando, nella legge e nei regolamenti, il suo interesse".