Cronaca Bianca

AUTOSTRADE, Scioperano i casellanti. La nota dolente della CGL

Lo sciopero di Autostrade per l'Italia ha avuto pesanti ripercussioni per gli automobilisti in uscita presso Caserta e Napoli   CASERTA - Da circa una settimana, lo sciop


Lo sciopero di Autostrade per l'Italia ha avuto pesanti ripercussioni per gli automobilisti in uscita presso Caserta e Napoli   CASERTA - Da circa una settimana, lo sciopero proclamato da FILT, FIT, UILT, UGL e SLA per i lavoratori di Autostrade per l’Italia, tronco di Cassino, sta avendo pesanti e gravi ripercussioni sul traffico in transito alle stazioni della cintura casertana che ha ulteriormente amplificato i frequenti disagi dovuti dagli enormi flussi di traffico diretti ai grandi centri commerciali. In questi ultimi giorni di particolare mobilità, gli automobilisti in uscita a Caserta Sud, a Napoli Nord e Napoli Centro ed a Caserta Nord, sono costretti a lunghe ed interminabili code per effetto delle disposizioni di Autostrade che a fronte dello sciopero del personale addetto all’esazione del pedaggio, non lascia aperte, e quindi libere, le porte manuali in sciopero ma canalizza il traffico su porte viacard e telepass con il chiaro intento di non subire, economicamente, gli effetti dell’astensione. “Infatti, tantissimi automobilisti, sprovvisti di viacard, bancomat e carte di credito, sono oggetto di rapporto di mancato pagamento pedaggio da saldare successivamente. Tale procedura allunga notevolmente i tempi di transito con inevitabili ricadute sulle code di auto che crescono di minuto in minuto. Code che insistono addirittura sulle carreggiate di marcia dove abbiamo registrato anche doppie file la cui conformazione mette a rischio la fluidità del traffico in transito e sovraespone tutti al rischio di incidente”. In tutto questo, regna sovrano il silenzio della prefettura, della polizia stradale e delle amministrazioni comunali coinvolte, considerando l’effetto rigurgito che si concretizza sulla viabilità esterna che in ogni tardo pomeriggio sta facendo registrare la paralisi del traffico. “Nessuno interviene per fermare queste pericolose disposizioni di Autostrade. Il sindacato sta manifestando il proprio disappunto perché sempre attento e vigile sul tema della sicurezza diretta ed indiretta. L’azienda punta solo ed esclusivamente al proprio profitto e rimane sorda anche alle ragioni dello sciopero nonostante la larga e convinta partecipazione dei lavoratori”. Le motivazioni dello sciopero muovono dal totale dispregio del modello relazionale individuato dal ccnl di categoria e continuano con la costante unilateralità decisionale su vari e delicati progetti organizzativi. Il segretario generale FILT-CGIL Caserta, Colombo Natale, sostiene “Ritengo che i disagi di questi giorni, patiti palesemente dall’utenza autostradale, vadano addebitati all’irresponsabilità aziendale che va assolutamente perseguita, perché le code in autostrada sono sistematicamente causa di incidenti anche gravi. L’auspicio è che le istituzioni preposte intervengano rapidamente ad evitare che la strategia degli incassi non produca vittime innocenti”.