Cronaca Bianca

I 5 stelle presentano una denuncia per la presenza di amianto nei 2 Comuni di S. Maria C. V. e San Tammaro

Lastre di amianto sparse nei territori dei 2 Comuni. Le indagini espletate dal Comando dei Vigili Urbani di S. Maria C. V.   Il  MoVimento 5 Stelle di San Tammaro, in da


Lastre di amianto sparse nei territori dei 2 Comuni. Le indagini espletate dal Comando dei Vigili Urbani di S. Maria C. V.   Il  MoVimento 5 Stelle di San Tammaro, in data 15 ottobre 2013 ha presentato una denuncia esposto a tutti gli enti istituzionali territoriali ( ASL, ARPAC, Carabinieri NOE, Corpo Guardia Forestale, Guardia Provinciale, Sindaco, Assessore Ambientale, Vigili Urbani di San Tammaro e S. Maria C. V. Prefettura, Presidente Regione Campania e Provincia di Caserta) per la presenza di lastre di amianto sui territori dei comuni di San Tammaro e di S. Maria C. V., la Procura della Repubblica ha protocollato la denuncia esposto  al nr. 8728/13/44, le indagini sono coordinate dal pm dott. Guarriello. Il Comune di SMCV, in conformità alle disposizioni di legge e norme vigenti, ci ha inviato una nota nella quale specifica le indagini espletate dal Comando dei Vigili Urbani in quanto richieste e sollecitate dall’ ASL e dal Comando di Polizia Provinciale, da essa si evince quanto segue: 1-      Lastre di amianto, pneumatici ed altri rifiuti abbandonati sui dei terreni confinanti ma appartenenti al Comune di Macerata Campania che ne è stata informata della presenza di tali rifiuti con una nota allegando rilievi fotografici, visure catastali e certificazioni urbanistici. 2-      Traversa Cappuccini ( ex Italtel ): in questa zona  le lastre di amianto sono state messe in sicurezza  affidando l’incarico alla società DHI spa. 3-      Via San Giovanni: qui è necessario fare un distinguo per lo sversamento illecito dei rifiuti  tra quelli che costeggiano la  succitata strada sono di competenza del Comune per cui è stata incaricata la società DHI spa per la rimozione, mentre per gli altri rifiuti che ricadono nella scarpata della tratta ferroviaria della linea ferroviaria Napoli – Piedimonte di proprietà della società regionale Metrocampania Nord-est ( ora ente  Autonomo Volturno ) nei confronti della quale il Comune ha avviato un procedimento per esecuzioni in danno, in seguito ad ordinanza sindacale non ottemperata. 4-      Località San Giovanni: le lastre di amianto, canne fumarie e canali di scarico si trovano nella strada laterale al ponte della RFI, per cui la rimozione e messa in sicurezza ricade nelle competenze  della stessa RFI avvisata con nota in seguito al sopraluogo. Il risultato ottenuto è abbastanza positivo ma non esaustivo bisogna continuare, insistere, coinvolgere e costringere le varie Amministrazioni a monitorare con maggiore impegno il territorio per la salvaguardia della salute dei Cittadini, non è detto che deve poi  essere il MoVimento 5 Stelle a denunciare  gli abusi in quanto ci sono gli enti istituzionale preposti a svolgere determinate funzioni e controlli. Un’amara considerazione: se non avessimo fatto la denuncia – esposto, chissà ancora per quanto tempo quei rifiuti sarebbero rimasti in quei luoghi dando un indecoroso spettacolo. Ora aspettiamo con (im)pazienza  che il Comune di San Tammaro faccia la medesima cosa  fatta dal Comune di SMCV, nell’eventualità che ciò non accadesse come al solito, la mattina del 2 gennaio 2014, di buonora, andremo a bussare alla porta dell’illustrissimo Signor Sindaco per capire il suo distacco e assenza dai problemi così gravosi. Intanto le indagini della Procura proseguono in silenzio assoluto. Nel 2014 ne vedremo  delle belle!!!