Cronaca Nera

CAMORRA, nuova ordinanza di custodia in carcere per il referente del clan dei Casalesi su GRAZZANISE e S.MARIA LA FOSSA

Si tratta di Romolo Del Villano. Il provvedimento è scaturito dalle attività investigative dei militari dell'Arma guidati dal maresciallo Luigi De Santis. L'indagine, denominata


Si tratta di Romolo Del Villano. Il provvedimento è scaturito dalle attività investigative dei militari dell'Arma guidati dal maresciallo Luigi De Santis. L'indagine, denominata "Riscatto", aveva, lo scorso marzo, già portato all'esecuzione di 17 provvedimenti restrittivi GRAZZANISE - I Carabinieri della Stazione di Grazzanise hanno dato esecuzione a ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Romolo DEL VILLANO , 52enne, di San Cipriano d’Aversa, attualmente detenuto presso la casa circondariale di S. Maria Capua Vetere, referente di zona del gruppo camorristico riconducibile alla fazione Schiavone del “clan dei  Casalesi” operante nei comuni di Grazzanise e Santa Maria La Fossa. Il provvedimento è scaturito da attività investigative condotte dai militari della Stazione di Grazzanise che hanno acclarato come l’indagato, nel dicembre 2010, aveva commesso una estorsione aggravata dal metodo mafioso in danno di un  imprenditore agricolo titolare di un’azienda in S. Maria La Fossa. L’indagine, denominata "RISCATTO", coordinata Sost. Proc. dott. Ardituro e Sost. Proc. d.ssa Dongiacomo della D.D.A. di Napoli, lo scorso 4 marzo, aveva già portato all’esecuzione di 17 provvedimenti restrittivi nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di associazione a delinquere di stampo mafioso,  estorsione aggravata dal metodo mafioso e detenzione illegale di armi tra cui appunto  DEL VILLANO. In occasione dell’emissione di tale provvedimento, il Gip del Tribunale di Napoli aveva rigettato la richiesta per il capo d’imputazione odierna. A seguito di appello proposto dal P.M., il Tribunale del Riesame di Napoli, ha applicato la custodia cautelare in carcere a cui è stata data esecuzione nella mattinata odierna a seguito del ricorso dichiarato inammissibile dalla Corte di Cassazione. Tale arresto è inserito nel prosieguo delle attività investigative svolte dalla Stazione Carabinieri di Grazzanise tese a debellare quotidianamente la fazione malavitosa riconducibile alla famiglia Schiavone del “clan dei  Casalesi operante nei Comuni di Grazzanise, Santa Maria La Fossa e limitrofe.