Sport

CALCIO - Lega Pro, le altre: Aversa, buon pareggio a Gavorrano

Punto prezioso per i normanni, che fanno 0-0 in Toscana. Ancora in corso alcune partite: Cosenza demolito (0-3) dal Teramo, che balza in testa. Tutti i risultati, la classifica a


Punto prezioso per i normanni, che fanno 0-0 in Toscana. Ancora in corso alcune partite: Cosenza demolito (0-3) dal Teramo, che balza in testa. Tutti i risultati, la classifica aggiornata ed il prossimo turno Gavorrano-Aversa 0-0 GAVORRANO – Forte, Chiarini (71’ Gentili), Ropolo, Mazzanti, Miano, Fatticcioni, Fiordani, Fossati (91’ Cretella), Bianconi, Bianchi, Nocciolini (50’ Tazzari). A disp.: Scarfagna, Esposito C., Fusar Bassini, Biagioni. All.: Masi AVERSA NORMANNA – D’Agostino, Nocerino, Esposito A., Balzano, Prevete, Suarino, De Rosa (92’ Del Prete), Galizia, Vicentin, Di Vicino, Orlando (85’ Romano). A disp.: Salese, Gennari, Djibo, Fiorito De Falco, Villanova. All.: Di Costanzo ARBITRO: Fanton di Lodi NOTE: angoli 5-2 per il Gavorrano; ammoniti Fossati (G), Suarino, Nocerino e De Rosa (A); recuperi 0’ pt, 4’ st. Punto prezioso per l’Aversa Normanna che pareggia 0-0 in casa del Gavorrano. Il primo tempo è sostanzialmente equilibrato, con l’Aversa Normanna che tiene bene dietro e si affida agli avanti per impensierire la difesa toscana. Nella ripresa il Gavorrano prova a rendersi pericoloso, ma ci riesce solo con qualche contropiede. La prima occasione è per l’Aversa Normanna: Galizia appoggia all’accorrente De Rosa che dal limite dell’area costringe Forte alla parata in tuffo. Al 7’ dopo pericoloso il Gavorrano: Nocciolini trova Fossati, il cui tiro è deviato in angolo da D’Agostino. Al 21’ Di Vicino vede Forte fuori dai pali e prova il tiro dalla lunga distanza: alto non di molto.  Al 27’ calcio di punizione di Fossati a lato di un niente. Al 30’ è Nocciolini con un tiro dalla distanza ad impegnare D’Agostino che para in due tempi. La ripresa inizia sulla falsa riga di fine primo tempo, con il Gavorrano che parte all’attacco ma senza risultato. Al 48’ è Nocciolini ad entrare in area di rigore ma, dopo aver superato Nocerino, quando arriva a tu per tu con D’Agostino, si fa anticipare da Prevete in calcio d’angolo.  L’Aversa prova ad alzare il baricentro ed al 62’ Di Vicino con una sventola dalla distanza sfiora l’incrocio dei pali. Al 75’ è ancora il fantasista granata a rendersi pericoloso dal limite dell’area ma Forte, sia pur con qualche difficoltà, respinge. Sorrento-Castel Rigone 0-1 Quarta vittoria consecutiva per il Castel Rigone di Fusi, che passa Natale tra le prime otto. A Sorrento finisce 1-0 grazie alla rete al 65’ di Agostinelli Martina-Messina 2-1 Brutto Natale per il Messina ed i suoi tifosi. Eppure i siciliani erano passati in vantaggio al 62’ con Corona bravo ad approfittare di un errore della difesa locale. Ma anche la retroguardia siciliana è da horror ed 1’ dopo arriva il pareggio di Gai e poi a tempo quasi scaduto (87’) arriva anche il 2-1 di Rocchi. Teramo-Cosenza 3-0 Teramo, tre goal; Cosenza, tre pali. E’ qui la differenza tra gli abruzzesi che si laureano campioni d’inverno ed i calabresi che perdono il titolo all’ultima giornata. Davvero un brutto ritorno per Cappellacci, tecnico del Cosenza con un passato importante sulla panchina del Teramo. 3’ e padroni di casa in vantaggio con Sassano, su azione di calcio d’angolo. De Angelis (18’) e Mosciaro (39’) provano a riportare la gara in parità ma i loro tentativi si stampano sui pali della porta di Serraiocco. Nella ripresa al Teramo è bastato ripartire in contropiede per trovare prima il raddoppio con Sassano (76’, su passaggio smarcante di Arcuri) e poi il tris con Casolla (90’, pallonetto). Nel mezzo il terzo palo di Calderini all’88’. Foggia-Chieti 1-0 Il Foggia riparte dopo la sconfitta con l’Aversa Normanna e batte il Chieti con una rete dopo soli 5’ da parte di Sicurella, che sfrutta un'indecisione del portiere ospite. Nel secondo tempo gli ospiti restano in 9, prima per le espulsioni di Terrenzio (57’) e poi di Gaeta (80’), entrambe per doppia ammonizione, e vedono frustrate le loro ambizioni di un pareggio che probabilmente avrebbero meritato. Vigor Lamezia-Melfi 0-1 Il Melfi espugna il campo della Vigor Lamezia, grazie ad una rete di Cruz al 52’. I lucani riescono a portare a casa i tre punti, nonostante l’espulsione di Annoni (doppia ammonizione all’85’) che li costringe a giocare in 10 gli ultimi minuti. Ischia-Poggibonsi 0-0 Il Poggibonsi conquista un punto in casa dell’Ischia. Le due squadre, a pari punti alla vigilia, continuano a viaggiare a braccetto a soli due punti dall’ottavo posto, che vale la permanenza diretta nella prossima lega pro unica. Da segnalare l’espulsione, tra gli ospiti, di Roveredo all’88’ per doppia ammonizione. Aprilia-Arzanese 1-1 L’Aprilia pareggia in casa con l’ultima in classifica. A passare in vantaggio gli ospiti al 20’ con Improta che approfitta del cross di Giacinti. Immediato il pareggio con Ferrari, su assist dalla fascia di Montella, al 25’. CLASSIFICA: Teramo 33; Cosenza 32; CASERTANA e Foggia 30; Melfi e Castel Rigone 26; Vigor Lamezia 25; AVERSA NORMANNA 24; Ischia e Poggibonsi 22; Tuttocuoio e Chieti 21; Aprilia 20; Messina e Martina 18; Sorrento 16; Gavorrano 13; Arzanese 10. PROSSIMO TURNO: CASERTANA-Poggibonsi, Teramo-AVERSA NORMANNA, Tuttocuoio-Cosenza, Aprilia-Foggia, Melfi-Gavorrano, Vigor Lamezia-Sorrento,  Castel Rigone-Chieti, Ischia-Messina, Arzanese-Martina Redazione sportiva