DETTAGLIO ARTICOLO

Contropotere, sabato la presentazione del libro scritto dalla carinolese Lilly Viccaro Theo

L'incontro culturale presso Palazzo Novelli CARINOLA - Si incrociano le strade degli Amici della Biblioteca e quelle della giornalista Lilly Viccaro Theo. Arriva finalmente il


L'incontro culturale presso Palazzo Novelli CARINOLA - Si incrociano le strade degli Amici della Biblioteca e quelle della giornalista Lilly Viccaro Theo. Arriva finalmente il tanto atteso momento della presentazione del libro della nota giornalista carinolese scritto a quattro mani con Massimiliano Griner, altrettanto noto sceneggiatore e studioso di storia contemporanea. La presentazione si terrà sabato 21 Dicembre al Palazzo Novelli di Carinola e vedrà l'ovvia presenza dei due autori e di Lorenzo Calò, responsabile della direzione del Mattino di Benevento che avrà il compito di moderatore. Fiore all' occhiello dell'appuntamento sarà l'intervento di Henry John Woodcock, sostituto procuratore della Repubblica divenuto ormai celebre per inchieste come il Savoiagate e Vallettopoli. Ad Antonio Caputo (AABC) è affidato il compito di presentare l'evento incentrato sul testo Contropotere­ La notte della Repubblica e i giornalisti che hanno cercato di fare luce? un libro che si fa specchio dell'Italia post­strage di Piazza Fontana, con la nascita di forze insidiose per la Repubblica, dalla loggia P2 agli estremismi manipolati dai potenti. Ma sono anche gli anni che sanciscono il momento migliore del giornalismo investigativo e d'inchiesta, con le storie e testimonianze dei suoi migliori interpreti. L' evento vedrò come protagonisti Lilly Viccaro Theo, già penna de Il Mattino, ora inviata per il programma di Rai Tre Chi l'ha visto?, vincitrice nel 2008 dell'ambito premio giornalistico Giancarlo Siani, assieme a Massimiliano Griner, sceneggiatore televisivo specializzato in storia contemporanea, finalista del premio Viareggio nel 2000 con La banda Koch. Il reparto speciale di polizia 1943­44 e fresco della sua ultima fatica letteraria Piazza Fontana e il mito della strategia della tensione.