Sport

CALCIO, il punto sulla serie D. Il Marcianise sconfitto a Taranto resta primo, al Gladiator serve una svolta

Il Progreditur, nonostante la sconfitta di Taranto ed il turno di riposo di domenica prossima, sarà in testa alla fine del girone d'andata. Al Gladiator servono fortuna, tranquil


Il Progreditur, nonostante la sconfitta di Taranto ed il turno di riposo di domenica prossima, sarà in testa alla fine del girone d'andata. Al Gladiator servono fortuna, tranquillità ed acquisti. Vacanze anticipate per il Progreditur Marcianise che, dopo lo scivolone a Taranto (1-3), visto il turno di riposo all’ultima giornata, avrà una settimana in più per preparare la ripresa del campionato dopo la sosta natalizia. Partita strana quella in Puglia, in uno stadio caldissimo, in cui i gialloverdi hanno giocato bene e senza timori contro una delle sue sfidanti fino al goal dello 0-1. Ed il tutto a dispetto dei tanti indisponibili (pesanti soprattutto le assenze di Posillipo e Temponi, squalificati, Gerardi e Citro infortunati) che hanno portato Foglia Manzillo a cambiare di nuovo tanto rispetto alla partita precedente. Nonostante la sconfitta, si può guardare avanti con fiducia: sono gli altri a dover inseguire. Sconfitta sfortunata invece per il Gladiator, che crolla (0-1) per colpa di una incredibile autorete del portiere. Il colpaccio della Mariano Keller è beffardo per i nerazzurri che sicuramente meritavano quanto meno il pareggio, soprattutto in considerazione di quanto sta succedendo in questi giorni: senza l’episodio decisivo probabilmente la partita sarebbe finita 0-0 e sarebbe arrivato almeno un punticino. Il Gladiator, dopo il passaggio di testimone ai vertici della dirigenza, sembra più un porto di mare con calciatori che vanno e vengono (gli ultimi Scarano e Savoia, con il primo già in campo per l’emergenza che ha decimato la rosa). La squadra ha bisogno di tranquillità e di certezze, in panchina e per quanto riguarda l’organico. Perché mettere continuamente in discussione l’allenatore e la pochezza (soprattutto numerica) dell’organico a disposizione di chiunque sieda in panchina sicuramente non aiutano e rischiano di portare a prestazioni simili a quella messa in campo domenica: perché se è vero che i nerazzurri non meritavano di subire il goal, hanno fatto anche ben poco per meritare di realizzarne uno. Annunci, anche riguardanti la panchina, sono previsti a breve: staremo vedere. Dando uno sguardo alle altre, il Matera manda k.o. (2-0) l’Hyria che deve anche ringraziare il portiere Apuzzo, migliore in campo, autore di parate prodigiose che evitano la goleada. Letizia (35’) e Santos (88’) affondano i costieri in campo con cinque under e rilanciano i lucani dopo la sconfitta interna con il Marcianise. Continua la risalita della Turris che nell’anticipo del sabato espugna (2-1) il campo della Puteolana, stacca il Brindisi (1-2 a San Severo) ed ora intravede la vetta della classifica, potenzialmente distante 3 punti. Fermati il Francavilla (turno di riposo) e Manfredonia (0-1 in casa di un Gelbison cui basta una rete di Grimaudo al 7’), vengono raggiunti dal Monospolis (2-2 in casa con il Real Metapontino) e dalla Keller a quota 22. Si rilancia il Bisceglie che supera in trasferta (2-0) il Grottaglie, ultimo in classifica. Redazione sportiva