Sport

BASKET. JUVECASERTA-Virtus Bologna 65-57 finalmente la Pasta Reggia torna al successo in casa.

La Juve gestisce bene una partita delicatissima contro la Virtus Bologna soffrendo solo nel finale ma chiudendola sopra di 9pt. La sfida ai rivali della Virtus Bologna Pasta Re


La Juve gestisce bene una partita delicatissima contro la Virtus Bologna soffrendo solo nel finale ma chiudendola sopra di 9pt. La sfida ai rivali della Virtus Bologna Pasta Reggia inizia subito all'attacco con Roberts e Moore molto ispirati (saranno 16 i punti all'intervallo del centro americano) e grazie anche ai numerosi falli della difesa virtusina che non riesce a tenere la velocità in contropiede della Juve. Dopo il time out chiamato da coach Bechi sul 12-2 Bologna prova ad accennare una ripresa con le bombe di Hardy e Walsh che favoriscono il ritorno a -2 delle V nere, il parziale di quarto è di 19-17 per Caserta. L'inizio di secondo quarto fa temere al pubblico del PalaMaggiò che sia in arrivo uno dei tanti black out della Juve, infatti, Gaddefors prima ruba palla e segna in contropiede e poi mette una bomba, mentre la Juve perde due palloni per due infrazioni di passi di Scott e Mordente (quest'ultima molto dubbia). Nota positiva del quarto è la prova di Claudio Tommasini che concretizza prima un gioco da tre  e poi porta a casa due tiri liberi realizzati. Nel finale di seconda frazione è solo Moore a segnare e a rispondere a Gaddefors e Walsh per la Pasta Reggia eccezion fatta per la super schiacciata di Roberts che chiude il primo tempo fissando il punteggio sul 34-31 per i padroni di casa.

Il terzo quarto inizia con una Juve che da l’idea di voler chiudere il match, infatti, Brooks e la bomba di Roberts costringono la Virtus a chiedere sospensione, al rientro dal time out Walsh ed Hardy provano a far rientrare i loro ma la Pasta Reggia non è per niente d’accordo e con Brooks si porta sul +7. A questo punto inizia una fase dove gli attacchi non danno decisamente il meglio di sé, non si segna e la Juve non riesce a dare la spallata decisiva alla partita. Roberts sblocca la situazione con una grande schiacciata e rimanda le squadre al time out, Moore porta i suoi sul +11 ma il finale di quarto è di 50-40 per Caserta.

Nell’ultimo quarto di gioco, come ricorda Molin in sala stampa, Caserta forse ha un po’ di paura di perderla e rischia di far rientre Bologna, cosa che in realtà succede, perché la Virtus si porta a pochi punti di scarto arrivando anche al -1 a 24” dalla sirena finale. Moore segna ma poi sbaglia Tommasini, Bologna non punisce ed inizia la processione dei falli che porta Mordente a chiudere la partita dalla lunetta, pur rischiando con un canestro di Walsh a 4” dalla fine. Mordente fa 2/2 dalla lunetta e sulla rimessa Brooks recupera palla, segna subendo fallo e realizza il gioco da tre punti che fissa il punteggio sul 65-57 e riporta la Juve a sorridere anche tra le mura amiche.  

PASTA REGGIA CASERTA: Mordente 6, Marzaioli ne, Marini ne, Vitali 2, Tommasini 7, Michelori 0, Salzillo ne, Brooks 13, Moore 20, Roberts 15, Hannah 2, Scott 0.

GRANAROLO BOLOGNA: Gadderfors 11, Hardy 13, Motum 0, Benetti ne, Landi 0, Negri 0, Gazzotti ne, Ware 7, Jordan 8, Bianconi ne, King 4, Walsh 14.

Emanuele Terracciano