Cronaca Nera

AGG. 9,42 IL VIDEO - Sequestrata una fabbrica di scarpe nascosta in seminterrato a VILLA LITERNO

All'interno dell'opicificio sono stati identificati 5 cittadini cinesi.   Al gestore dell’attività sono state inoltre contestate 40 prescrizioni penali con sanzioni per un imp


All'interno dell'opicificio sono stati identificati 5 cittadini cinesi.   Al gestore dell’attività sono state inoltre contestate 40 prescrizioni penali con sanzioni per un importo complessivo di  224.460,80 euro

VILLA LITERNO -  I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casal di Principe, unitamente a quelli del Gruppo Tutela Lavoro di Napoli e Nucleo Ispettorato del Lavoro di Caserta, hanno sequestrato un opificio clandestino nascosto nel seminterrato di una villa, all’interno del quale lavoravano in nero 5 cittadini cinesi, deferendo in stato di libertà il gestore per “violazioni alla normativa in materia di lavoro nonché igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro”.   Nell’ambito di una serie di controlli, effettuati a capannoni e fabbricati in cui si nascondono attività artigianali irregolari, i Carabinieri hanno fatto irruzione all’interno di una villa in via Vecchia Aversa, identificando all’interno 5 cinesi intenti a confezionare scarpe. L’attività artigianale, gestita da una donna di nazionalità cinese di 31 anni, era priva di alcuna autorizzazione ed esercitata in totale difformità alla normativa di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro; all’interno dell’opificio erano presenti ben nove postazioni di lavoro, ricavate in uno spazio limitato, privo di finestre di areazione e di servizi igienici, con la presenza di numerosi materiali altamente infiammabili che arrecavano un grave rischio all’incolumità degli operai, naturalmente privi di  contratto di lavoro. Al gestore dell’attività sono state inoltre contestate 40 prescrizioni penali con sanzioni per un importo complessivo di euro 224.460,80, elevate sanzioni amministrative per l’importo complessivo di euro 19.250,00 e recuperati contributi e premi assicurativi per euro 10.000,00. Il locale seminterrato adibito a “opificio clandestino” è stato sottoposto a sequestro preventivo. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare il ruolo di eventuali altri soggetti interessati alla gestione dell’attività, oltre alla donna già denunciata. Nell’ultimo anno i carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, nel corso di attività analoghe, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro complessivamente ben 4 opifici clandestini tutti gestiti da cittadini cinesi.