Cronaca Nera

MARCIANISE - L'iniziativa benefica di Antonio Ievoli: "Offro le mie opere d'arte, il ricavato lo porterò nelle case dei bisognosi"

Antonio Ievoli, 72enne, da anni dedica il suo tempo libero alla realizzazione di presepi interamente fatti a mano utilizzando oggetti di uso comune: bottiglie, lampadine, carcass


Antonio Ievoli, 72enne, da anni dedica il suo tempo libero alla realizzazione di presepi interamente fatti a mano utilizzando oggetti di uso comune: bottiglie, lampadine, carcasse di vecchi televisori     MARCIANISE – Lodevole iniziativa, quella di Antonio Ievoli, che donerà i suoi presepi a quanti faranno un'offerta per le famiglie in difficoltà economiche. “Ho costruito circa mille presepi nel corso degli anni – racconta Ievoli - dal più piccolo, composto da pochi pezzi, a quelli più complessi per i quali ci sono voluti migliaia di pezzi, realizzati utilizzando oggetti di uso comune: bottiglie, lampadine, carcasse di vecchi televisori”. Antonio Ievoli, 72 anni, dipendente dell'acquedotto,molto conosciuto in città e vincitore di numerose gare presepiali a livello nazionale, ha coinvolto nella sua iniziativa benefica le associazioni cittadine e le istituzioni, chiedendo anche, in una lettera indirizzata a Papa Francesco, di poter ricevere la sua benedizione per il buon fine della sua originale iniziativa. L’arte presepiale a Marcianise affonda le sue radici in epoca molto antica e tanti ne hanno continuata la tradizione, da Marcellino “o rilurgiáro” a “mastu Peppe ‘o stagnaro”, fino a “mastu ‘ppichill” di Capodrise, che impegnava una stanza intera per il suo presepe abitato da grossi pastori da lui stesso realizzati, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove per molti il presepe è diventato un impegno che dura tutto l’anno.