Cronaca Bianca

CASERTA - "Terra dei Fuochi", in Camera di Commercio confronto tra le Istituzioni e le Associazioni

Il Convegno si è tenuto oggi, martedì 10 dicembre alle ore 17:00 CASERTA - Si è tenuto oggi, martedì 10 dicembre alle ore 17:00, presso la sede distaccata della Camera di


Il Convegno si è tenuto oggi, martedì 10 dicembre alle ore 17:00 CASERTA - Si è tenuto oggi, martedì 10 dicembre alle ore 17:00, presso la sede distaccata della Camera di Commercio, sita in P.zza Sant'Anna, il Convegno "Terra di Lavoro tra fuochi e futuro". Questa iniziativa è stata indetta dalla Fondazione AdAstra e il Movimento Consumatori con il patrocinio della Camera di Commercio, per fare chiarezza sulla controversa vicenda della "Terra dei Fuochi", ormai nota, che interessa il territorio della provincia di Caserta. "L'occasione che ci viene fornita per pensare al futuro è il decreto legge appena approvato, poichè questo non è un tema di tipo locale, ma di tipo nazionale dato che lo Stato si è fatto carico del problema", così esordisce il Presidente provinciale della Fondazione AdAstra, Paolo Colombo. Al Convegno erano presenti, naturalmente, il padrone di casa, Tommaso De Simone, Presidente della Camera di Commercio e Pio Del Gaudio, Sindaco di Caserta, oltre ad alcuni rappresentanti di associazioni, quali Legambiente, Slow food, Medici per l’Ambiente  ecc. Ci sarebbe dovuto essere anche Raffaele Piccirillo, il magistrato di Cassazione che coordina la commissione di esperti nominata dal ministro dell’Ambiente ai fini del decreto legge per la Terra dei Fuochi, che, però, per motivi istituzionali non ha potuto presiedere a questa "tavola rotonda". Ad ogni modo è stata letta una sua relazione che esplicava i vari articoli del suddetto decreto legge. Di questi, in particolar modo ci interessano l'art. 3, riguardante gli interventi urgenti per evitare la contaminazione dei prodotti agro-alimentari, attraverso la mappatura dei territori non coltivabili e l'art. 4 che prevede la creazione di una commissione ministeriale per accellerare le procedure degli interventi sanatori. De Simone spiega che in realtà, la situazione è molto complessa: "Prima del caso "la Terra dei Fuochi" e cioè, i primi 6 mesi del 2013 la provincia di Caserta stava avendo una ripresa sul piano dell'export agro-alimentare, con un 38,01%. Dunque, bisogna intervenire al più presto, anche perchè le imprese agricole sul territorio sono circa 10mila". Inoltre, il Presidente della Camera di Commercio continua, asserendo di essere d'accordo sulla delimitazione del territorio per l'indicazione dei terreni non destinati all'agricoltura. Il Sindaco, Pio Del Gaudio, invece, pone l'accento sul decreto legge, definendolo: "Poco elaborato" e aggiungendo che: "Noi ci auspicavamo una legge speciale, ma il decreto è poco chiaro riguardo alle risorse a cui attingere e, quindi, va integrato poichè abbiamo bisogno di risposte condivise per trovare una soluzione comune".   Valentina Musella  Alessandro Accardo