Cronaca Bianca

CELLOLE - Centrale nucleare e rifiuti tossici sotto l'Appia, Lembo incontra il sindaco Izzo

Il primo cittadino. "Entro la fine di gennaio sarà possibile conoscere le notizie con più certezza" CELLOLE -  Il sindaco di Cellole, Aldo Izzo, ha avuto questa mattina un i


Il primo cittadino. "Entro la fine di gennaio sarà possibile conoscere le notizie con più certezza" CELLOLE -  Il sindaco di Cellole, Aldo Izzo, ha avuto questa mattina un incontro con il procuratore capo della Repubblica Lembo per discutere della problematica ambientale del territorio. Alla riunione erano presenti anche altri sindaci della provincia di Caserta, come Luigi Tommasino di Sessa Aurunca, e del Basso Lazio. Scopo dell’incontro è stato quello di fare il punto della situazione sui lavori di smantellamento della centrale nucleare e sul sequestro messo in atto dalle forze dell’ordine nei mesi scorsi su un terreno nei pressi della strada statale Appia dove sarebbero stati depositati dei rifiuti tossici. E proprio su quest’ultimo punto il procuratore Lembo ha affermato che le indagini in merito sono ancora in corso, dunque, la riserva non può essere ancora sciolta, ma da un primo accertamento pare che non debbano esserci notizie allarmanti in merito alla salute dei cittadini. Dunque, lo stesso sindaco Izzo ci tiene a tranquillizzare i cittadini cellolesi. “Entro la fine di gennaio sarà possibile conoscere le notizie con più certezza- ha dichiarato il sindaco Izzo-. Ma fino ad ora rispetto a tutto quello che è stato controllato non è emersa alcuna criticità. Stessa cosa anche per la centrale nucleare del Garigliano. A quanto pare l’arrivo della Guardia di Finanza ha rappresentato solo un intervento di ordinaria amministrazione, ma nulla di preoccupante emerge dal lavoro di decommissioning”. I sindaci Izzo e Tommasino, tra l’altro, hanno chiesto anche delucidazioni in merito a quanto è stato rilevato dall’aeromobile. Ma in merito il procuratore Lembo ha affermato che le indagini sono ancora in mano alla Procura. L’incontro di questa mattina si è concluso con la sollecitazione del procuratore rivolta ai primi cittadini di effettuare controlli e ricognizioni mirate a verificare la presenza di eventuali discariche abusive e il funzionamento dei depuratori.