Politica

MARCIANISE, l'assessore Mezzacapo si è dimessa. Outlet, il sindaco De Angelis e i 3 assessori potrebbero svendere città e disoccupati alle ragioni dei paperoni del mega centro commerciale

Alle 11 la decisiva riunione di giunta MARCIANISE - Se il sindaco De Angelis approverà stamattina con soli 4 voti favorevoli in giunta il suo, quello dei due di Marcianise Pi


Alle 11 la decisiva riunione di giunta MARCIANISE - Se il sindaco De Angelis approverà stamattina con soli 4 voti favorevoli in giunta il suo, quello dei due di Marcianise Più, quello di uno dei due assessori Pdl, dato che la Mezzacapo si è dimessa ieri, per sopravvenuti impegni personali, si macchierà di una colpa grave rispetto alla città. Naturalmente stiamo parlando di una colpa politico. Il sindaco, infatti, ha il potere anche con una delibera votata solo a maggioranza degli assessori di cedere alle fortissime pressioni provenienti dall'Outlet per l'ormai famigerato  allargamento della costruzione di altri 5o negozi. Lo può fare anche se nella delibera di giunta non potrà essere apposto nessun tipo di chiosa, di integrazione che richiami la società Capri 2 al rispetto di un piano occupazionale firmato con la città di Marcianise, con i giovani disoccupati, e fino ad oggi non rispettato in toto. Tra un'ora, verso le 11, inizierà una seduta decisiva della giunta comunale, fondamentale anche per una prima valutazione di Casertace sulla natura e sull'identità di quest'amministrazione comunale. Se come pare, il sindaco De Angelis, il vicesindaco Accinni, Topo e l'altro assessore di Marcianise Più forzeranno la mano, infischiandosene anche del fatto che 7 consiglieri comunali hanno depositato, ieri, la richiesta di convocazione di una seduta ad hoc sull'argomento, significa che questa compagine di governo agisce in continuità, rispetto alle ragioni dei poteri forti economici, opposte a quelle dei cittadini e dei disoccupati, proprio come hanno fatto in passato il sedicente sindaco di sinistra Filippo Fecondo e Antonio Tartaglione. G.G.