Cronaca Bianca

LA REGGIA CHIUSA- ma gli imprenditori casertani hanno da tempo elaborato il lutto:"ora puntiamo sui militari, sullo sport dei giovani e sui convegni"

In queste ore, solo attraverso la webcam di Pmi, è possibile guardare all'interno del Parco, inibito alle visite a causa dei danni inflitti dal maltempo. Francesco Marzano:"La ce


In queste ore, solo attraverso la webcam di Pmi, è possibile guardare all'interno del Parco, inibito alle visite a causa dei danni inflitti dal maltempo. Francesco Marzano:"La cecità delle istituzioni ha disancorato il monumento da seri processi di promozione economica" Caserta- Sono rimaste ormai solo le webcam, attivate circa un mese fa, grazie alla collaborazione tra Pmi Campania (associazione di categoria piccole e medie imprese) e l’Associazione Arma Aeronautica, a mostrare il Parco della Reggia di Caserta al mondo intero. Il maltempo di questi giorni ha creato moltissimi danni sia al Palazzo che ai Giardini reali con la caduta di calcinacci, alberi e arbusti sradicati dal fortissimo vento. Quest oggi il Palazzo Reale è chiuso e lo resterà fino a quando saranno verificati i referti dei Vigili del Fuoco e degli uomini della forestale e, qualora fossero negativi, potrebbe rimanere chiusa a tempo indeterminato. "Con estrema amarezza - dichiara Francesco Marzano, responsabile del settore "turismo" delle Pmi Campania - devo constatare che Caserta non viene promossa da nessuno, il commercio casertano è in crisi e non c' è politica turistica. Oggi, continua Marzano le aziende turistiche private casertane, fanno a meno della Reggia, data la scarsa organizzazione amministrativo-istituzionale. Caserta non fa economia turistica." Come dargli torto. I flussi turistici in arrivo, in base ai dati ufficiali dell'ETP di Caserta, non sono incanalati verso il grande attrattore Reggia di Caserta bensì verso le strutture ricettive alberghiere. La lettura impietosa della situazione operata da Francesco Marzano è, dunque, fondata sull'amarissima quanto inconfutabile realtà dei numeri. "Data questa situazione, ci siamo dovuti organizzare, elaborando la realtà terribile della inutilità di un monumento del prestigio della Reggia per la causa della promozione economica del territorio. Abbiamo quindi individuato 3 nuovi target con cui promuovere l'offerta turistica e cioè i militari, che garantiscono un sicuro ritorno economico, gli eventi sportivi juniores, che coinvolgono anche le famiglie dei giovani e i congressi e la convegnistica". Insomma, mentre la politica dorme sonni beati, gli imprenditori che, a differenza dei politici, hanno il problema di dover far quadrare i propri conti, si attrezzano, riponendo la Reggia di Caserta nel deposito dei ferri vecchi. Alessandro Accardo