Cronaca Nera

CASERTA - Due ragazze rom catturate in un palazzo di VIA RENELLA. Volevano svaligiare un appartamento

Sono state prese da una pattuglia della Squadra Volante della Questura di Caserta CASERTA - Nel corso dei servizi di controllo del territorio assicurati dal personale della Sq


Sono state prese da una pattuglia della Squadra Volante della Questura di Caserta CASERTA - Nel corso dei servizi di controllo del territorio assicurati dal personale della Squadra Volante che, come in ogni fine settimana vengono maggiormente intensificati al fine di prevenire e reprimere ogni tipologia di reato ed in particolare i furti che,  in tale periodo tendono ad aumentare, nella giornata di domenica, gli agenti della Squadra Volante della Questura di Caserta, diretta dal Vice Questore Aggiunto Riccardo Di Vittorio, hanno denunciato in stato di libertà per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso due ragazze, minori e di etnia rom, pregiudicate, delle quali una è stata tratta in arresto perché colpita da provvedimento restrittivo per furto emesso lo scorso 9 ottobre 2013 dal gip del Tribunale dei Minorenni di Palermo: G. V., nata a Foggia il 01.01.1997; K. S., nata in Croazia il 07.07.2000, senza fissa dimora. Alle ore 17 di domenica circa, il personale della Squadra Volante, su disposizione della Sala Operativa, si portava in Via Renella, presso il condominio civico 69, ove nell'androne del palazzo in questione, da segnalazione telefonica anonima, erano state notate due ragazze, di probabile etnia rom, che si aggiravano con fare sospetto. Appena giunto sul posto il personale operante notava le predette ragazze che scendevano frettolosamente le scale per guadagnare l'uscita. Immediatamente le fuggitive venivano bloccate e considerata la loro ingiustificata presenza sul posto, gli operatori procedevano, con l'ausilio di personale femminile del Comando Polizia Municipale di Caserta, a perquisizione personale, a seguito della quale venivano rinvenuti, addosso ad entrambe, arnesi atti alla scasso, debitamente sottoposti a sequestro. Si provvedeva pertanto ad accompagnare le due donne presso questi uffici per le formalità di rito e per sottoporle a fotosegnalamento, nel corso del quale si accertava che G. V. , era colpita da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto, emessa dal Gip. della Procura della Rep. presso il Tribunale per i minorenni di Palermo e pertanto veniva tratta in arresto e condotta presso la Casa Circondariale di Nisida, come disposto dal pm di turno presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, mentre la K. S., minore di 14 anni, veniva affidata alla comunità per minori " L'Arcobaleno" di San Nicola la Strada.