Politica

MACERATA CAMPANIA Il clamoroso strappo di Palmiero con il sindaco: "Non venivo ai Consigli perché mi vergognavo di appartenere alla maggioranza di Munno"

Il consigliere comunale Pd, Sebastiano Palmiero, è passato all'opposizione: "La goccia che ha fatto traboccare il vaso: l'atteggiamento del sindaco durante un convegno, la scorsa


Il consigliere comunale Pd, Sebastiano Palmiero, è passato all'opposizione: "La goccia che ha fatto traboccare il vaso: l'atteggiamento del sindaco durante un convegno, la scorsa estate" MACERATA CAMPANIA - Uno scenario assai complesso quello dell'amministrazione del sindaco di Macerata Campania Luigi Munno. Ieri, mercoledì, si è svolto il Consiglio comunale, presieduto, logicamente, dal presidente  Donato Capuano. Nei banchi dell'opposizione,  a contrastare la maggioranza,  presenti Pasquale Iodice, Martino Nacca,Francesco Nacca, Marcello Rauccio, Giovanni Ventriglia e Antonio Di Matteo del movimento "L'alternativa c'è" . Ai 6 della minoranza, però, a sorpresa, dobbiamo aggiungere una new entry. Il consigliere Sebastiano Palmiero, infatti, in quota Pd, ha palesato durante l'assise la sua fuoriuscita dalla maggioranza «Non ho partecipato agli ultimi consigli comunali - ha spiegato il democrat - perché mi vergognavo di appartenere alla maggioranza del sindaco Luigi Munno per questo mi schiero con l'opposizione . Dopo otto anni di impegno per Macerata, otto anni della mia vita a diffondere i valori dello sport in amministrazione, nel partito e tra la gente. Ero convinto che in una compagine amministrativa, come in una squadra, ogni componente dovesse limitarsi a interpretare al meglio il suo ruolo e non è stato così. Quella di Munno sarà ricordata come la peggiore amministrazione della storia di Macerata, ed io mi sento complice e responsabile. Dovevo provare a imporre un cambio di passo. La goccia che ha fatto traboccare il vaso: l'atteggiamento del sindaco durante un convegno, la scorsa estate. Il mio imbarazzo si è trasformato in vergogna  lo scorso 27 giugno, - ha dichiarato  Palmiero amareggiato. -  quando nel pomeriggio, in aula consiliare si svolgeva un convegno su Salute e Ambiente, voluto dai cittadini. Durante quell'evento,purtroppo, fu insensibilmente interrotto dal sindaco. Mi auguro che Munno anziché illudersi di poter continuare a vivere di politica, magari candidandosi alle regionali, decida - conclude il consigliere - una buona volta di farsi da parte. È l'ultimo consiglio da amico che mi sento di dargli». Anche il consigliere Marcello Rauccio ha accusato il primo cittadino di non aver intrapreso alcuna attività di ristrutturazione per il paese, sottolineando la necessità di una commissione edilizia raggiungendo l'accordo per l'istituzione di un referendum entro il 31 dicembre e sottolineando l'onerosa spesa TARSU, servizio gestito dal comune in regime di privativa, affidata invece ad enti esterni, gravando il bilancio con un dispendio di ben 155mila euro. Anna Salzillo