Cronaca Bianca

"Vendita delle spiagge", Vincenzo Santo del Sib: "Non ci facciamo illudere dalle bufale". I balneari vogliono regole chiare sui canoni demaniali

Venerdì meeting a Napoli tra Istituzioni e rappresentanti della categoria. Si riparte da Castel Volturno CASTEL VOLTURNO -"Turismo balneare, un sistema senza regole ed un futu


Venerdì meeting a Napoli tra Istituzioni e rappresentanti della categoria. Si riparte da Castel Volturno CASTEL VOLTURNO -"Turismo balneare, un sistema senza regole ed un futuro senza imprese". Sarà questo il titolo-tema dell’incontro che si svolgerà venerdì 29 novembre 2013 alle ore 10,30 presso la Camera di Commercio di Napoli dove si confronteranno in maniera costruttiva Istituzioni e balneari. A comunicarlo Vincenzo Santo presidente S.I.B. Caserta. "Il convegno nasce dalla necessità di affrontare i problemi che stanno portando alla morte il settore balneare, e per evitare che ciò accade - sostiene Santo - vi è la necessità di avere regole chiare e sicure. Il settore balneare è balzato alla cronaca in questi giorni per i famosi emendamenti alla legge di Stabilità che secondo alcuni illustri politici prevedevano la vendita delle spiagge, mai cosa più assurda è stata detta, e questa volta la bufala la stanno raccontando pseudo-politici che in varie trasmissioni stanno spacciandosi per difensori dell’ambiente e del demanio. Ebbene - afferma Santo - la categoria non chiede altro che il riconoscimento delle strutture costruite con anni di sacrifici, ed evitare che possano finire in mani scellerate a causa di una direttiva europea che mal si adatta alla situazione Italiana, la mancanza di direttive certe poi a livello nazionale e regionale creano ancora maggiori fraintesi tra istituzioni locali e balneari". Poi sulla vicenda dei canoni demaniali il rappresentante del Sib conclude il suo intervento dichiarando: "Bisogna mettere mano alla questione canoni in maniera seria, facendo una seria riflessione sulle valenze turistiche. E' impossibile paragonare Castel Volturno a Sorrento o Rimini, così come non è possibile non avere indicazioni chiare sulla durata delle concessioni demaniali, situazioni che vede numerosi colleghi soggetti a sequestri e quant’altro. Ebbene venerdi sarà l’occasione per avere delle risposte in merito ma soprattutto sapere che fine faranno le nostre imprese, vivere di incertezza non serve a niente, c’è bisogno che ci riprendiamo il nostro futuro". M.I.