Politica

CANCELLO ED ARNONE Questione tasse, la proposta di Di Pasquale al sindaco Emerito

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota dell'ex primo cittadino, responsabile del gruppo locale di Fratelli d'Italia COMUNICATO STAMPA - Francesco Di Pasquale, responsab


Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota dell'ex primo cittadino, responsabile del gruppo locale di Fratelli d'Italia COMUNICATO STAMPA - Francesco Di Pasquale, responsabile di “Fratelli d’Italia” ha inviato tramite posta elettronica una  nota al sindaco, Pasqualino Emerito, per quanto concerne la possibilità di studiare le agevolazioni delle tasse in base al reddito, così come già prospettato a livello nazionale; ovvero possibilità di recepire in tema di agevolazioni quando previsto nel Decreto Legge, n. 201/201, nonché maggiori possibilità di rateizzare le somme dovute al Comune, compreso cartelle precedenti, senza sanzioni od altro, ma al massimo solo con gli interessi legali. Sempre in tema di Tares: Ieri Ercole Del Gaudio, amico di Di Pasquale, ha consegnato una lettera al Comune di Cancello ed Arnone, chiedendo di prendere in considerazione la possibilità di applicare per quest’anno gli stessi parametri del 2012, al fine di apportare agevolazioni per i cittadini, i quali stanno vivendo un momento veramente triste tra tante problematiche e crisi economica generale.   Ancor prima, il consigliere comunale di opposizione, Clemente Manzo, ha presentato una propria proposta al fine di fare risparmiare a quanti svolgono un attività commerciale una somma che varia dal 20 al 30% del totale; mentre per i cittadini il risparmio è quantizzato nell’abolizione della prima rata. QUESTA LA NOTA INVIATA AL SINDACO PASQUALINO EMERITO Al sig. Sindaco del Comune di Cancello ed Arnone Oggetto: Agevolazioni tasse in  base al reddito e Tares 2013. Il sottoscritto Francesco Di Pasquale, responsabile locale della formazione politica “Fratelli d’Italia”; Visto la gravissima crisi economica nazionale in atto, dovuta innanzitutto alla crisi contingente di questo sistema mondiale, che si sta riflettendo soprattutto sulle  attività lavorative (libere iniziative), ma anche sulle famiglie a basso reddito, che sono fortemente penalizzate e frenate nell’attività per il carico fiscale nazionale, ma anche regionale, come ampiamente fatto presente, insopportabile, che aumenta poi a dismisura nei forti casi di difficoltà di impossibilità dei pagamenti; Considerato poi che vi sono i giovani emergenti che non sempre riescono a trovare lavoro, e che anche molti del nostro paese sono costretti a recarsi lontano per lavoro, tanti ad arruolarsi nelle Forze di Polizia o Esercito; Considerato ancora che ci sono persone- famiglie che vivono con pensioni minime- chi ha la fortuna, visto che il pensionamento è una vincita alla lotteria. Considerato quindi che esiste in Italia una forte discriminazione, ancora, tra Nord e Sud – e lo vediamo in Campania, con le tasse alte, l’emergenza rifiuti, il disastro ambientale, i servizi (soprattutto per quanto riguardala Sanità, vedi al primo posto la prevenzione che manca), mentre nel singolo, lo vediamo in tutto il Paese tra redditi alti e bassi/ zero, tra famiglie e famiglie, tra cittadino e cittadino, appunto per la differenza di redditi - spesso altissimi nella P.A., tra pensionati e pensionati, anche una differenza di pensionamento – tra chi è stato fortunato prima e chi ora è sfortunato; Considerato per ultimo il disastro ambientale, dopo l’emergenza rifiuti, che si sommano ai ben noti problemi campani,  che hanno messo/  stanno mettendo in ginocchio tutti i nostri territori e soprattutto quelli della provincia di Caserta e Napoli; F O R M U L A  A L L A  S. V.  L E  S E G U E N T I   P R O P O S T E tese ad una maggiore giustizia fiscale ed una maggiore solidarietà della nostra comunità. N.1-AGEVOLAZIONI TASSE IN BASE AL REDDITO. Visto che a livello nazionale è stato stabilito un agevolazione per redditi bassi; chiede che anche per le tasse locali ci siano particolari attenzioni per i redditi bassi, ad iniziare dalla Tares. N.2-TARES 2013. Anche in questo caso chiede un intervento (da conciliare con le agevolazioni per il reddito) in base alla normativa attuale, ovvero Decreto Legge 6 dicembre 2011, n.201, invigore da luglio 2013 (casi- persona singola; raccolta differenziata con recupero parte organica o recupero di materiali per la formazione di compost; calcolo  della parte variabile della Teres, in funzione della raccolta differenziata). N.3-MAGGIORI POSSIBILITA’ DI RATEIZZO DEI PAGAMENTI. Nei casi di famiglie in difficoltà, quindi se ricorrono le condizioni, di poter usufruire di maggiori rateizzi dei pagamenti, ovvero quindi più tempo nei pagamenti. Il tutto, compreso anche i pagamenti pregressi, senza sanzioni o interessi, ma al massimo con interessi legali.