Sport

CASERTANA - Contro l'Arzanese per ritornare alla vittoria. Tornano D'Alterio e Rinaldi. A centrocampo...

CASERTA - Contro l'Arzanese, la Casertana non può e non deve sbagliare. Deve vincere e deve spazzare via quel senso di disagio nel ricordare i due punti persi nella sfida interna


CASERTA - Contro l'Arzanese, la Casertana non può e non deve sbagliare. Deve vincere e deve spazzare via quel senso di disagio nel ricordare i due punti persi nella sfida interna contro il Foggia di domenica scorsa. La gara si terrà a Mugnano, presso lo stadio ValleFuoco, domenica, con fischio di inizio alle ore 14.30. Il direttore di gara sarà Mirko Olivieri di Palermo. CASERTANA - Mister Ugolotti ha chiesto ai suoi la massima attenzione, nonostante l'impegno sembri il più semplice possibile, contro una formazione che non ha ancora mai vinto in questo campionato. Le intenzioni del tecnico, sembrano trovare terreno fertile nelle parole di Francesco Alvino: "Mi aspetto la partita della vita da parte dell'Arzanese. Ma a noi servono i tre punti". Concetti semplici e giusti, che vanno semplicemente applicati senza riserva. Proprio l'esterno offensivo, entrato a partita in corsa contro il Foggia, dovrebbe ritrovare una maglia da titolare, al posto di un Cucciniello, nella linea dei trequartisti, affiancandosi agli intoccabili Agodirin e Mancino. Ritornano dal primo minuto anche D'Alterio e Rinaldi, i quali hanno dovuto saltare per squalifica la sfida contro i Satanelli. Per il resto confermato, ovviamente, Fumagalli tra i pali, Pezzella a sinistra ed Idda al centro della difesa. A centrocampo Cruciani, nonostante la diffida, sembra inamovibile. Al suo fianco Correa potrebbe lasciare il posto a Marano, sembrato molto più in forma rispetto al giocatore argentino. In avanti solito ballottaggio Caturano - Baclet, con il primo, che come ha detto più volte Ugolotti, è tatticamente più utile alla Casertana, ma il centravanti francese morde il freno e vuole gonfiare per la prima volta la rete nella sua avventura rossoblù. ARZANESE - Nessuna vittoria. Peggiore attacco (solo quattro reti). Peggiore difesa (ben diciannove in undici partite). E' questo il biglietto da visita con qui si presenta la formazione del Napoletano alla sfida contro i Falchetti. Uno score da dimenticare. Una stagione iniziata male e che sta continuando, se è possibile, ancora peggio, nonostante il cambio della guida tecnica, passata da Giovanni Ferraro a  Salvatore Marra. Giocatori da tenere d'occhio sono il portiere Gianmarco Fory, il difensore Vincenzo Monti, il centrocampista Giuseppe Ausiello e gli attaccanti Umberto Improta, Franceco Ripa ed Antonio Insigne, fratello del più famoso Lorenzo.