Cronaca Bianca

ORE 13,46 ESCLUSIVA. CONSORZIO RIFIUTI, i commissari spediscono a casa centinaia di dipendenti. TUTTI I NOMI di quelli che salveranno il loro posto di lavoro

Una delibera di contenuto incredibile. Non c'è una motivazione, un criterio attraverso cui si è scelto di mettere in ferie forzate e poi in uno stato di sospensione un numero al


Una delibera di contenuto incredibile. Non c'è una motivazione, un criterio attraverso cui si è scelto di mettere in ferie forzate e poi in uno stato di sospensione un numero altissimo di dipendenti casertani. C'è puzza di raccomandazioni politiche. L'atto reca la firma di Lorenzo Di Domenico, ma c'è anche l'accordo di Farina Briamonte, Zinzi e Cesaro CASERTA - Un atto vergognoso. Una delibera laconica, senza argomentazioni, immotivata, che non contiene l'indicazione di uno straccio di criterio attraverso cui sono stati scelti i dipendenti del Consorzio unico di bacino che potranno continuare a lavorare anche dopo lunedì 18 novembre. Un taglio enorme di centinaia di altri dipendenti che proprio da lunedì andranno in ferie forzate che una volta esaurite in sospensione dal posto di lavoro. Un provvedimento, così è scritto nell'oscena delibera firmata dal commissario liquidatore, il ragionier Lorenzo Di Domenico, temporaneo, ma che non indica quando non durerà questa temporaneità. Insomma, una storiaccia di figli e di figliastri, una discriminazione da latifondo messicano ai tempi dell'impero spagnolo, il tutto consumato nelle segrete stanze e anche, evidentemente, con la complicità di Gaetano Farina Briamonte, uomo di Zinzi. Figli e figliastri, anzi, sarebbe meglio dire liste di proscrizioni. Mai avevamo assistito ad un'operazione tanto rozza e di duubbia legittimità nella nostra vita. Come li avete scelti quelli da salvare? Come avete fatto, Di Domenio e Farina Briamonte, a decidere chi resta a casa e chi torna a lavoro? Come mai la pletora impressionante di dipendenti napoletani che negli anni hanno introitato lo stipendio senza lavorare nemmeno un minuto si salva quasi per intero, come dimostra l'elenco pubblicato qui in basso di coloro che hanno vinto alla lotteria organizzati da Zinzi, Cesaro e dai loro ascari Farina Briamonte e Di Domenica. Questa presa non la molleremo facilmente. Gianluigi Guarino