Cronaca Bianca

SUNRISES - CASERTANI CHE VOLANO IN MADAGASCAR

Parla Alessandro Greco: "ci cibiamo dei successi ottenuti " Ogni anno Alessandro e Valentina, insieme ad altri volontari e cooperanti, preparano una valigia nella quale traspo


Parla Alessandro Greco: "ci cibiamo dei successi ottenuti " Ogni anno Alessandro e Valentina, insieme ad altri volontari e cooperanti, preparano una valigia nella quale trasportano abiti, scarpe e materiale scolastico. Ogni anno Alessandro e Valentina volano in Madagascar per il progetto SUNRISES. Sono i cooperanti volontari dell'Associazione Leo Onlus Ong, realtà casertana che partecipa attivamente alla lotta alla povertà e che, attraverso il progetto SUNRISES avviato nel 2001, ha realizzato un centro polivalente a circa 20 km dalla capitale Antananarivo. Il Madagascar è popolato all’incirca da 21.000.000 di persone, il 75% delle quali vive al di sotto della soglia di povertà, con meno di 2 dollari al giorno. La speranza di vita alla nascita è di 62 anni, ma per un terzo della popolazione si aggira sotto i 40. Circa 165 bambini su 1.000 muoiono prima dei 5 anni e solo il 5% delle abitazioni dispone di acqua corrente. Negli ultimi anni la cifra dei "bambini di strada" nella sola capitale Antananarivo è salita a quota 18.000. Con un tasso di crescita demografica del 3% annuo, è previsto il raddoppio della popolazione (attualmente circa 21 milioni di abitanti) entro il 2020, momento in cui il Madagascar diventerà davvero "un gigante povero dai piedi d'argilla immerso nell'Oceano Indiano", come si legge sulle pagine sociali dell'Associazione Leo ONG - Sunrises nel mondo. L’Associazione Leo Ong dal 2007 è stata riconosciuta idonea ad operare nel campo della cooperazione allo sviluppo dal Ministero degli Affari Esteri italiano ed organizza le proprie attività secondo programmi strutturati in ambiti diversi. La Scuola "Sekoly Sunrises Leo Amici" sorge nel villaggio di Ambohinaorina, uno dei 22 villaggi che compongono il Comune di Anosiala, a nord della capitale Antananarivo. Uno dei primi interventi realizzati dall’Associazione Leo in quest’area rurale è stata l’iscrizione all’anagrafe cittadina degli scolari e dei lavoratori del Centro, tutti ancora sconosciuti alle istituzioni. Un altro settore in cui l’intervento dell’Associazione si è rivelato sin da subito necessario è quello sanitario: ciclicamente personale medico italiano si reca in loco e si occupa dello screening generale sullo stato di salute e sullo sviluppo dei bambini e grazie alle cartelle cliniche individuali ogni tipo di intervento è più efficace, dalla scelta del menu settimanale alle cure dentistiche. Il Centro Sunrises è dotato di aule scolastiche, sala mensa, teatro, aule didattiche, laboratori di artigianato, dormitorio. Il centro accoglie oltre 250 bambini garantendo loro, ad oggi, almeno un pasto al giorno ed assicura un percorso di scolarizzazione. Nel Centro ci sono classi materne, elementari e medie inferiori, una mensa/ refettorio stabile e uno studio medico. C'è la biblioteca più fornita della Regione di Analamanga, un impianto per la raccolta, il trattamento e la distribuzione delle acque, quattro laboratori per la formazione professionale ed una stalla. C'è un grande giardino per giocare e vasti appezzamenti di terra coltivabile. Nel 2012 l’Associazione Leo ha provveduto a rendere più efficiente il sistema delle coltivazioni adiacenti al Centro Sunrises, attraverso la costituzione di una cooperativa di 12 donne dei tre villaggi più vicini al Centro: oggi la cooperativa produce pomodori, fagiolini, peperoni, melanzane, cavoli e carote, oltre ad un legume tipico del Madagascar, il voanjobory. Il 50% dei prodotti coltivati è destinato alla mensa scolastica, il restante 50% è a disposizione delle donne della cooperativa per le rispettive famiglie e per la vendita diretta al mercato per l’approvvigionamento di attrezzature e semi per le nuove coltivazioni stagionali. Il Madagascar è considerato un Paese in via di sviluppo, eppure la situazione in cui versa oggi è la peggiore nella storia recente dell’isola. Oltre al rischio dovuto all’esplosione demografica, il vero patrimonio su cui potrebbe far leva l’isola per il proprio futuro, cioè le biodiversità e la ricchezza di flora e fauna uniche al mondo, sono in serio pericolo per molteplici fattori. Basti pensare alla deforestazione che procede con una rapidità estrema ed alla quale non è facile far fronte, dal momento che il legno è indispensabile per quasi tutti i malgasci, poco importa se sia pregiato come l’ebano, il bois de rose o, addirittura, il palissandro. Pur di poter accendere il fuoco per cucinare, di poter costruire una capanna in cui vivere e di disporre di terreno per piccole coltivazioni non ci si ferma di fronte a concetti quali salvaguardia ambientale, implementazione del turismo e tutela del patrimonio naturalistico. Di fronte alla miseria estrema purtroppo diventano tutti concetti sterili che non hanno riscontro concreto di fronte alle esigenze primarie della popolazione malgascia. Ne parliamo con Alessandro Greco: “La gioia di collaborare per il Centro Sunrises nasce direttamente dalla gratificazione continua che si ottiene vedendo che i frutti del proprio operato sono tangibili ed utili a tutti e dalla gratitudine che quotidianamente tutti, dai più piccini ai più anziani, dimostrano ogni giorno a noi ed a tutti i cooperanti dell’Associazione Leo, a partire dal Presidente dell’Associazione, Tonino Palma, ideatore e promotore del Progetto Sunrises in Madagascar. Il popolo malgascio, senza voler fare nessuna retorica, è affabile e generoso: il valore che gli uomini danno alla propria dignità è un grande insegnamento di vita. Nonostante la dignità di queste persone sia calpestata continuamente.” L’obiettivo ultimo dell’Associazione Leo è il raggiungimento della completa autonomia nella gestione economica e amministrativa del Centro Sunrises da parte del personale locale. Alessandro Greco aggiunge: “E’ la sfida più difficile, l’Associazione vuole essere la guida del Centro Sunrises, monitorare e collaborare, ma finché saremo noi ad occuparci dell’organizzazione delle attività, a finanziare la manutenzione ordinaria e straordinaria e a provvedere alle retribuzioni degli insegnanti e della mensa scolastica non completeremo il percorso per cui il progetto è nato”. Valentina e Alessandro trascorreranno la fine del 2013 in Madagascar con l’obiettivo di un ulteriore passo in avanti in questo cammino. Oltre ad occuparsi della ricostruzione di una parte del tetto (la prima parte è stata sostituita nel 2012), divelto dai cicloni che si sono abbattuti sulla regione tra febbraio e marzo, i cooperanti dell’Associazione Leo si impegneranno a rendere più efficiente l’organizzazione della cooperativa agricola per raggiungere la completa autonomia della mensa, anche grazie a nuove coltivazioni di riso. I prossimi passi saranno la costruzione e l’allestimento di un’officina per la lavorazione del ferro e di una falegnameria, inoltre cominceranno a lavorare alle pratiche amministrative presso il Ministero della Pubblica Istruzione malgascio per avviare, dal 2014, anche i corsi di Scuola Media Superiore. Alessandro Greco e Valentina Bifulco sono partiti da Caserta ed hanno raggiunto il Madagascar per la prima volta nel 2009. In realtà, Valentina ci era già stata due volte, nel 2004 e nel 2008, per periodi brevi. Dal 2009 ci ritornano ogni anno. In questi giorni Alessandro e Valentina sono partiti. Anche quest’anno un viaggio, anche quest’anno una conquista e ad accompagnarli sempre lo stesso entusiasmo. L'entusiasmo di migliorare la struttura del Centro Sunrises, attraverso nuovi strumenti e più evolute infrastrutture. INFO Sito internet: www.associazioneleoonlusong.it Per restare aggiornati sulle attività estere dell'Associazione Leo Onlus ONG : https://www.facebook.com/pages/Associazione-Leo-ONG-Sunrises-nel-mondo/ 245629582167585 Per sostenere il lavoro di dell'Associazione Leo Onlus ONG ed il progetto SUNRISES: codice fiscale 05195360630 e nello spazio dedicato sul Modello Unico, sul 730 oppure sul CUD.   Mariella Capobianco