Cronaca Bianca

AVERSANI, tenetevi forte: nel 2014 con una casa di 90 metri quadri pagherete più di 1000 euro di tasse comunali

Questo accadrà a causa della sovrapposizione, che l'assessore Rossi e il sindaco Sagliocco avrebbero potuto evitare, della Tarsu 2013 e della nuova Trise 2014,  che si pagherà


Questo accadrà a causa della sovrapposizione, che l'assessore Rossi e il sindaco Sagliocco avrebbero potuto evitare, della Tarsu 2013 e della nuova Trise 2014,  che si pagherà nell'anno di competenza, senza rinvii, dato che rappresenta l'architrave della prossima legge di stabilità  AVERSA - Una delle modifiche che suggeriamo a tutti coloro che proprio in queste ore stanno scrivendo gli emendamenti alla legge di stabilità, nel rispetto della scadenza del prossimo giovedì, in cui le richieste di modifica dovranno essere tutte formalizzate alla commissione finanza e bilancio del senato è quella di non chiamare la nuova tassa sui servizi locali con l'acronimo Trise, ma direttamente, con l'acronimo "Triste". Perché,al di là di quello che dice il governo, l'idea che sotto ci sia una fregatura e che alla fine i cittadini pagheranno di più di quanto pagavano prima per Tarsu e Imu è forte.E d'altronde la Cga di Mestre che ha un ufficio studi di prim'ordine, se sostiene, come ieri ha sostenuto, che gli italiani pagheranno nel 2014 un miliardo di euro in piu di tasse, evidentemente è proprio dalla valutazione più approfondita delle tasse locali che questa valutazione è venuta fuori. Beh, se il quadro nazionale è sconfortante, forse il caso di Aversa rappresenta una sorta di sublimazione al contrario. Qui il nuovo tributo per i servizi lo dovranno chiamare "Tristissimo", dato che la scelta, onestamente incomprensibile, di non far partire la rateizzazione della Tarsu, già dal 2013, come era possibile, determinerà un pauroso ingorgo di pagamenti proprio nei mesi dell'anno prossimo. Intanto, a Natale, altro che doni, sotto l'albero degli aversani arriverà un "bollettone" Tarsu che per un appartamento di 90, 95 metri quadri si aggirerà intorno ai 400, 450 euro. I pagamenti Tarsu potranno essere rateizzati a partire dal prossimo febbraio, ma si intersecheranno con quelli della nuova Trise che sarà la sommatoria della  Tasi, in pratica, la nuova tassa sui servizi indivisibili, rifiuti, illuminazione etc, e della Tari, in sostanza, la nuova tassa sugli immobili. Facendo quattro conticini a spanne, ma vi garantiamo che quando la legge di stabilità sarà definitivamente approvata i conti li faremo bene, almeno nei comuni più importanti della provincia, un aversano che ha un appartamento medio, cioè i classici 90/100 mq, andrà a pagare una cifra superiore ai 1000 euro, il che, poteva essere evitato con una più oculata gestione della Tarsu 2013, da parte dell'assessore Rossi. Sicuramente questi argomenti saranno al centro del dibattito sul bilancio di previsione che dovrebbe essere approvato nelle prossime settimane e che porta con se anche l'approvazione della manovra fiscale cittadina. G.G.