Cronaca Bianca

CASERTA. Scusate se ci ripetiamo. Biondi no limits: tra una proroga secretata, una gara aggiudicata e un altro lavoretto post-datato, ha dato in un giorno solo 90 mila euro alla F.G. di Franco Galilei

Non leggete le riflessioni e gli aggettivi che peraltro abbiamo ridotto al minimo. Solo i fatti. Poi, fate voi. Tutto accade nel silenzio totale dell'opposizione


CASERTA - [g.g.] Diciamo che non vogliamo iniziare la solita intemerata su come funzionano certe cose all'interno dell'amministrazione comunale di Caserta. E neppure che vogliamo riprendere la tiritera sul dirigente Franco Biondi, rispetto al quale giuriamo di non nutrire alcun tipo di astio personale, tutt'altro ma che, in tutta sincerità, non ci piace per come agisce da alto quadro dell'ente che governa, onestamente non in maneira brillantissima, la città capoluogo in questo momento.

E' successo che Biondi in un atto in cui sposta dei soldi per finanziare una proroga per i servizi di esumazione nel cimitero di Caserta, non faccia alcun riferimento all'impresa beneficiaria di quella proroga, cioè della solita F.G. Costruzioni.

Perchè Biondi inaugura il metodo della determina criptata? Perchè mentre la proroga era in atto, la F.G. partecipava da concorrente alla gara per l'aggiudicazione di questi stessi, delicatissimi servizzi cimiteriali. E questo non ci sembra sia un fatto consentito visto che più volte l'authority nazionale anticorruzione ha raccomandato di evitare situazioni di questo tipo. Tra le altre cose, la F.G. Costruzioni ha costruito una competenza specifica nelle esumazioni cimiteriali negli ultimi tempi, ottenendo l'inserimento nella tabella delle aziende abilitate in tempi sospetti rispetto agli affidamenti ricevuti dal comune di Caserta.

Ma questa è un'altra vicenda che andremo ad approfondire prossimamente.

Fatta la premessa che già di per sè è inquietante ma qui da noi passa sotto silenzio senza che nemmeno una forza politica di opposizione abbia la creanza di andarsi a leggere le carte e di verificare se CasertaCe ha affermato il vero o il falso, riannodiamo questo argomento, che era la quadratura del cerchio della famosa terza puntata da noi annuciata da tempo sui quattrini che girano nel cimitero di Caserta, a quello affrontato nei giorni scorsi che abbiamo definito 'la vicenda dei cesti di Natale': affidamenti a go-go del dirigente Biondi ai soliti noti, cioè all'impresa di Francesco Cerreto [CLICCA QUI PER LEGGERE IL NOSTRO ULTIMO ARTICOLO] e anche naturalmente alla F.G. Costruzioni.

Giorno 19 dicembre, determina numero 1764: alla F.G. Costruzioni vengono liquidati 26 mila 129 euro e 12 centesimi per il servizio di assistenza cimiteriale a partire dal 26 giugno. Dunque è il pagamento della proroga. Per la legge, solo grazie a questa determina di liquidazione si viene a consocenza dell'identità del prorogato, cioè della F.G. Costruzione di Franco Galilei.

Sempre 19 dicembre, con determina numero 1765: vengono liquidati 15 mila 477 euro e 67 centesimi che sono la perizia di stima di lavori relativi all'intonaco della sala del commiato e autoptica dello stesso cimitero. A leggerla così sembra una cosa che si deve ancora fare. Al contrario la perizia di stima riguarda lavori che evidentemente Galilei ha realizzato sulla parola nei gionri precedenti alla ricorrenza del 2 novembre.

Ancora 19 dicembre, terza determina, precisamente la numero 1768 aggiudica provvisoriamente, con viatico aperto all'aggiudicazione definitiva, la gara per i servizi cimiteriali di necroforo mortuario. Indovinate a chi? Ma naturalmente alla F.G. Costruzioni, per un importo totale di 45mila 891 euro e 74 centesimi.

In un giorno solo la F.G. tra incassi ed ipoteche di incassi porta a casa quasi 90 mila euro. Altro che cesto di Natale.

Ora, se vi sembra normale tutto quello che avete letto in questo articolo, per carità andate avanti così, noi continueremo a denunciare le cose senza agitarci più di tanto se nulla capita.