Cronaca Nera

CASERTA - Bracconieri fermati dalle guardie dell'Enpa

Davano la caccia a uccelli protetti. Sequestrati fucili modificati e richiami acustici. CASERTA - le Guardie Zoofile dell'Enpa di Caserta hanno scoperto dei cacciatori, o meglio


Davano la caccia a uccelli protetti. Sequestrati fucili modificati e richiami acustici. CASERTA - le Guardie Zoofile dell'Enpa di Caserta hanno scoperto dei cacciatori, o meglio bracconieri, intenti a cacciare degli antidi. Il primo cacciatore, approfittando della nebbia delle scorse notti, si era appostato su una collina nell'agro di Grazzanise con richiami acustici pronto a dare la caccia agli uccelli acquatici. Le Guardie Zoofile della Protezione Animali sono riuscite a distinguere i richiami tipici e sono partiti all'inseguimento del cacciatore di frode che si è dato alla fuga. Raggiunto dai volontari dell'Enpa, l'uomo è stato fermato e identificato. Nella sua zona di appostamento i volontari hanno trovato diversi esemplari di uccelli presumibilmente abbattuti nel pomeriggio: alcune allodole, sei beccaccini e un'alzavola. Altri due bracconieri sono stati individuati dall'Enpa a poche ore di distanza dal primo, che davano caccia agli uccelli con il supporto di fucili modificati, richiami vivi ed elettroacustici, fonti luminose. In questo caso i volontari non hanno trovato animali abbattuti, ma hanno sequestrato e trasportato al CRAS di Napoli sei esemplari di germano reale con le ali tagliate. Esemplari che, terminate le cure di riabilitazione, saranno rimessi in libertà.